Tag: video

Creative

Foto di Windows, novità per i video

In caso di emergenza o anche solo per fare in fretta, grazie all’app Foto di Windows possiamo fare al volo dei tagli ai nostri video senza aprire pesanti editor video

Creare un video è molto sempli­ce: possiamo realizzarlo con lo smartphone, con la webcam del computer o anche registrando quello che accade nello schermo del PC con un programma di cattura schermo (per esempio premendo Win + G per apri­re l’Xbox Game Bar in Windows). Una volta registrato il filmato, con un editor video facciamo eventuali montaggi, cor­reggiamo i colori e altro ancora.

Magari questo video ci servirà per una presen­tazione, oppure per una festa da amici, quindi ci rechiamo sul posto, mandiamo in riproduzione il filmato per vedere se tutto è a posto … e ci accorgiamo di aver messo qualche clip di troppo, ma il no­stro editor video è nel computer di casa. Come fare? Beh, se tutto quello che ci serve è solo fare qualche taglio, niente paura, possiamo effettuarlo con Micro­soft Foto, presente sia in Windows 10 sia in Windows 11. E se per caso non ci fosse, la troviamo gratis nel Microsoft Store.

Ecco come fare

Foto di Windows apri
1 Con Esplora file raggiungiamo la posizione del filmato da tagliare. Facciamo clic destro sul file e scegliamo la voce Apri con > Foto. In un attimo si aprirà il filmato in riprodu­zione. Fermiamolo e prepariamoci all’editing.
Foto di Windows taglia
2 Nella parte alta dell’interfaccia di Foto troviamo l’icona Taglio
video
. È la prima partendo da sinistra dopo il nome del file aperto. Clicchiamola per aprire lo strumento di taglio. In al­ternativa possiamo attivare la stessa funzione premendo Ctrl+E.
Foto di Windows edit
3 Si apre quindi il semplice editor di Foto. In pratica abbiamo solo due cursori su cui agire, li vediamo nella parte bassa della finestra. Se li spostiamo, tutto quello che rimane fuori dai cursori viene elimina­to dal filmato finale.
Foto di Windows salva
4 Racchiusa tra i cursori la parte di video da salvare, clicchiamo in alto il pulsante Salva con nome. Nella finestra che si apre rag­giungiamo la cartella di destinazione e assegniamo un nome al file. Il video originale non verrà modificato.

LEGGI ANCHE:

contattaci
sottotitoliamo i nostri video
Creative, Formazione

Sottotitoliamo tutti i nostri video

Per poter godere al massimo alcuni video i sottotitoli sono uno strumento di importanza capitale. In loro assenza esistono degli strumenti per ottenerli, scopriamoli insieme e sottotitoliamo i nostri video.

Il cinema muto, per dare un contesto e spiegare le storie narrate, ha sempre utilizzato le didascalie a proprio vantaggio. Questa limitazione tecnica è stata la base fondante di quelli che, al giorno d’oggi, sono i sottotitoli. La popolarizzazione dei servizi di streaming ha reso la presenza dei sottotitoli centrale per la fruizione delle opere, permettendo a chiunque di comprendere il contenuto dei dialoghi di un film o di una serie televisiva.

La presenza di sottotitoli all’interno di un video è molto importante perché permette a chi fruisce di un contenuto di capire quello che solitamente viene veicolato dai dialoghi. Se i testi visibili a schermo descrivono il contenuto dei dialoghi o traducono informazioni visive abbiamo a che fare con dei sottotitoli; se invece i testi descrivono anche informazioni di tipo uditivo (come i suoni di scena) possiamo parlare di closed caption.

L’importanza di quest’ultima tipologia di sottotitoli è sottovalutata ma può davvero fare la differenza in termini di comprensione. Al di là dell’ovvio utilizzo per chi ha problemi di udito, sono eccezionali anche per chi vuole godersi una serie o un film in lingua originale e non padroneggia a fondo la lingua.
Al giorno d’oggi ci sono strumenti appositi e intere community che lavorano per rendere la presenza delle closed caption una cosa perfettamente normale. Scopriamo quindi questi strumenti e sottotitoliamo i nostri video.

Indice

YouTube e il pulsante CC

Tra tutti i servizi riguardanti i video su internet, YouTube è di sicuro il più popolare. Da diversi anni a questa parte, il social video di Google include anche uno strumento per la visualizzazione dei sottotitoli all’interno dei suoi filmati. Questi sottotitoli possono essere scritti dal creatore di contenuti dagli utenti, portando molto spesso a risultati interessanti anche in termini qualitativi.

Sottotitoliamo tutti i nostri video su youtube

In assenza di sottotitoli, YouTube si è dotato di un sistema per la generazione automatica delle closed caption. A questo sistema si può accedere semplicemente facendo clic sul tasto CC presente sul player (o premendo C sulla tastiera). In questa maniera YouTube farà comparire nella parte bassa dello schermo dei testi generati automaticamente in base al contenuto audio del video. Le lingue ufficialmente supportate per la creazione automatica delle CC sono 13, Italiano compreso. Nel peggiore dei casi sarà possibile utilizzare la traduzione istantanea delle CC inglesi in italiano comodamente sempre rimanendo all’interno di YouTube.

Closed caption ovunque con Substital

Non sempre Netflix, Amazon Prime Video e Disney+ hanno dalla loro delle closed caption da utilizzare; fortunatamente esiste uno strumento per rimediare a questo problema. Substital (https://substital.com) è il nome di un’estensione disponibile per i browser a base Chromium (Edge, Opera, Chrome, Brave e altri) e per Mozilla Firefox che permette di aggiungere i sottotitoli a qualsiasi flusso video presente all’interno di una scheda del browser.

substital estensione

L’estensione è anche in grado di usare il riconoscimento vocale per la generazione automatica dei sottotitoli (per il momento, questa funzione è limitata alla lingua inglese). Utilizzare Substital è molto semplice. Installata l’estensione ci basterà fare clic sulla sua icona dopo aver aperto una scheda contenente un video.

L’estensione cercherà automaticamente tra i database pubblici (di cui parleremo anche dopo) dei file .SRT adatti al flusso video, andandoli poi ad applicare in maniera automatica. Una volta applicati i sottotitoli ci basterà fare clic sull’icona dell’estensione all’interno del player per modificarne l’aspetto, andando così a cambiare colore, dimensione e posizione.

Sottotitoli con VLC

VLC è uno dei player multimediali più versatili e potenti in circolazione; queste caratteristiche si possono denotare anche dagli strumenti integrati per la gestione dei sottotitoli. VLC è in grado di leggere diverse tipologie di file contenenti sottotitoli e closed caption così da mostrarli a schermo. Con un po’ di fortuna sarà quindi possibile trovare sul Web file scaricabili per applicare le CC al film o alla serie televisiva che stiamo guardando. Sottotitoliamo i nostri video con VLC, uno dei player più comuni, in pochi e semplici passi.

Sottotitoliamo tutti i nostri video con vlc

Per la migliore e più semplice esperienza possibile è necessario fare solo una cosa: inserire all’interno della stessa cartella il file contenente i sottotitoli e il file contenente il video vero e proprio avendo l’accortezza di chiamarli con lo stesso nome (estensione esclusa). In questa maniera, una volta aperto il video, VLC applicherà in maniera automatica i sottotitoli, senza chiedere alcuna azione all’utente. A questo punto dalle preferenze di VLC (richiamabili con Ctrl + p) potremo modificare l’aspetto e le dimensioni del testo per rendere la lettura quanto più facile possibile.

I cataloghi pubblici per i sottotitoli

Sia Substital che VLC utilizzano dei sottotitoli che vengono creati dagli utenti appassionati. Questi sottotitoli sono raccolti all’interno di siti Web: veri e propri cataloghi accessibili al pubblico (di solito previa registrazione) dove è possibile trovare sia i sottotitoli normali che i sottotitoli CC.

sottotitoliamo cataloghi pubblici

I più noti siti Web che si occupano di questo genere di attività sono TVsubtitles (www.tvsubtitles.net), Subscene (https://subscene.com) Open Subtitles (https://www.opensubtitles.org/it). Tutti e tre i siti Web sono gratuiti ma permettono anche il pagamento volontario di un abbonamento, così da supportare gli appassionati dietro questi lavori e permettere la sopravvivenza di una community particolarmente utile.

LEGGI ANCHE

contattaci
applicazioni

Vlc senza segreti!

Definirlo solo un player video è riduttivo: questo programma ha capacità che vanno oltre la normale riproduzione dei filmati. Scopriamo le 10 funzioni meno conosciute, ecco Vlc senza segreti!

Indice

Ascoltare la radio

vlc radio

Bastano pochi clic e VLC si trasforma in un sistema per l’ascolto delle radio diffuse via Internet, con la possibilità di sintonizzarsi su stazioni praticamente da tutto il mondo. Premiamo Ctrl+L per accedere alle playlist e scegliamo Icecast Radio Directory presente nella sezione Internet; attendiamo un paio di minuti: a destra il sistema visualizzerà una lista con le stazioni disponibili. Per ascoltare una delle radio presenti nella lista è sufficiente cliccarci sopra due volte. Per interrompere e riavviare la riproduzione usiamo i controlli Stop e Play visibili nella barra in basso.

Registrare lo schermo

Una funzione di VLC poco nota ma molto utile è quella che permette di registrare e salvare tutto quello che accade sullo schermo del PC. Per attivare que-sta modalità clicchiamo su Media Converti/Salva. Selezioniamo la scheda Dispositivo di acquisizione, clicchiamo il menu Modalità di acquisizione e selezioniamo l’opzione Desktop. Nello slot Velocità fotogrammi desiderata per l’acquisizione impostiamo il numero di frame per secondo (tra 15 e 30).

vlc acquisizione schermo

Clicchiamo ora il pulsante Converti/Salva visibile in basso. Selezioniamo dal menu Profilo il formato di salvataggio (MP4 va bene in genere). Da Sfoglia indichiamo il percorso di destinazione per il salvataggio del file e confermiamo con Salva. Clicchiamo Avvia.

Per interrompere la registrazione usiamo il pulsante Stop visibile in basso nell’interfaccia di VLC.

Creare dei segnalibri

vlc segnalibri

Mentre si guarda un filmato può essere utile impostare dei segnalibri che all’occorrenza permettano di puntare direttamente a un momento preciso della riproduzione. Durante la visione del filmato premiamo
la combinazione di tasti Ctrl+B. Per creare un segnalibro è sufficiente premere il pulsante Crea.

Per attivarlo basta cliccarci sopra due volte durante la riproduzione del video. Una volta creati, i segnalibri possono essere eliminati in blocco tramite il pulsante Cancella oppure uno a uno con il pulsante Elimina.

Convertire audio e video

VLC funziona anche come convertitore di formato sia per l’audio che per il video. Clicchiamo Ctrl+R e quindi Aggiungi, selezioniamo il file sorgente e poi Apri > Converti/Salva. Selezioniamo il menu Profilo e indichiamo il formato di destinazione prescelto per la conversione.

Per accedere ai parametri di conversione dobbiamo cliccare l’icona con la chiave inglese e successivamente selezionare la scheda Codifica Audio oppure Codifica Video. Fatte le opportune regolazioni confermiamo con Salva.

Ora premiamo Sfoglia e scegliamo il percorso di destinazione per il salvataggio del file, confermando con Salva. Per avviare la conversione clicchiamo Avvia.

A schermo intero

vlc schermo intero

Se vogliamo riprodurre un filmato a schermo intero dobbiamo selezionare la funzione corrispondente tra-mite il pulsante apposito visibile nella barra di controllo di VLC oppure attraverso la voce Schermo Intero che troviamo nel menu Video. Per evitare tutte le volte questa operazione accediamo alle Preferenze del programma cliccando Ctrl+P, selezioniamo il tab Video e nella sezione Schermo spuntiamo la casella Schermo intero. Clicchiamo Salva e riavviamo VLC.

Controlla Vlc con il mouse

VLC offre un’utilissima modalità di controllo che consente di remotizzare alcune delle sue funzionalità attraverso l’uso del mouse. Clicchiamo Ctrl+P sulla tastiera per aprire la schermata Preferenze di base. Selezioniamo, in basso a sinistra nella sezione Mostra le impostazioni, l’opzione Tutto. Clicchiamo, nella colonna di sinistra, la voce Interfacce di controllo. Selezioniamo, nella parte destra dell’interfaccia, l’opzione Interfaccia dei movimenti di controllo del mouse.

Chiudiamo e riavviamo VLC. Apriamo un filmato. Ora, per esempio, se vogliamo andare avanti o tornare indietro nella riproduzione ci basta cliccare il pulsante sinistro del mouse e spostarci rispettivamente verso sinistra o verso destra. Per alzare o abbassare il volume clicchiamo e spostiamo il mouse verso l’alto o verso il basso.

Invece per mettere in pausa basta un rapido e piccolo movimento verso sinistra/destra o destra/sinistra e via così. Per altre modalità di controllo ti rimandiamo alla documentazione ufficiale.

Velocizzare la diretta di una Ip Cam

vlc ipcam

Con VLC possiamo visualizzare lo streaming audio/video proveniente da una IP cam compatibile con il protocollo RTSP. Per farlo occorre innanzitutto conoscere l’indirizzo RTSP del dispositivo, un dato che inizia con “rtsp://” e che possiamo facilmente ricavare dalle schermate di configurazione del software usato per la gestione della camera.

Una volta individuato l’indirizzo corrispondente, apriamo VLC, premiamo Ctrl+N, inseriamo l’indirizzo RTSP della videocamera nella sezione Network Protocol e clicchiamo PLAY. Pochi secondi e il gioco è fatto: VLC mostra a schermo lo streaming audio/video della videocamera selezionata.

Riprodurre contenuti in streaming

VLC permette di riprodurre anche contenuti provenienti direttamente dalla Rete senza per questo doverli scaricare. Dal menu Media selezioniamo l’opzione Apri flusso di rete. Ora, nel campo Inserisci un URL di rete, digitiamo l’indirizzo relativo al video che desideriamo riprodurre. A questo punto clicchiamo Riproduci visibile in basso. VLC avvierà la riproduzione del video prescelto.

vlc streaming

Personalizzare l’interfaccia

vlc interfaccia

VLC mette a disposizione moltissime skin gratuite che consentono di cambiare completamente l’aspetto della sua interfaccia grafica per adattarlo ai nostri gusti. Visitiamo l’URL www.videolan.org/vlc/skins.htm. Scegliamo una delle skin tra quelle disponibili cliccandoci sopra. Nella schermata dedicata clicchiamo il pulsante Download. Avviamo VLC, premiamo Ctrl+P per accedere a Preferenze di base. Nella sezione Aspetto selezioniamo l’opzione Usa tema personalizzato. Ora clicchiamo Sfoglia, selezioniamo il percorso in cui si trova la skin scaricata (il file ha estensione VLT), selezioniamo il file e premiamo Apri e poi Salva. Chiudiamo e riavviamo VLC.

Come scaricare un video dalla rete

scarica video

In alcuni casi VLC permette di scaricare un filmato direttamente dalla Rete. Tuttavia, il buon esito di questa procedura dipende dal formato video prescelto e dalla presenza o meno di restrizioni imposte dal sito che lo ospita. Vediamo come procedere: apriamo il menu Media e clicchiamo su Apri flusso di rete. Nel campo Inserisci un URL di rete digitiamo l’indirizzo che punta al video da scaricare. Clicchiamo Riproduci. Interrompiamo la riproduzione.

Dal menu Strumenti selezioniamo Informazioni media. Copiamo per intero la stringa visualizzata in basso nel campo Posizione. Apriamo il nostro browser. Incolliamo la stringa che abbiamo appena copiato nella barra degli indirizzi del browser e premiamo Invio. Il filmato inizia a scorrere. Blocchiamo la riproduzione. Clicchiamo i tre pulsanti verticali visibili a destra della barra dei controlli di riproduzione. Selezioniamo Scarica e il gioco è fatto.

LEGGI ANCHE

contattaci
applicazioni

Scaricare video dai siti di streaming

Ecco tutti i modi per scaricare video online dai più noti siti di streaming e conservarli sul proprio PC e per poterli rivedere anche senza connessione.

Internet è letteralmente piena zeppa di video: quella che è considerata la più celebre piattaforma di condivisione video, YouTube, è visitata mensilmente da più di due miliardi e mezzo di utenti attivi, e ogni singo­lo minuto vengono caricate circa 500 ore di nuovi video, che significa 720.000 ore al giorno. Questi video sono molto popolari, soprattutto in ,certe fasce di età, tanto da ottenere anche più successo rispetto ai “vecchi” program­mi trasmessi in TV. Ma, come con questi ultimi, potrebbe venirci voglia di ”registrare” i video nel nostro PC così da rivederli quando vogliamo, anche senza una connessio­ne Internet a disposizione.

Per far ciò, però, dobbiamo considerare due aspetti: il primo è quello legale, ovvero capire se si incorre in qualche illecito effettuando i download di video da piattaforme di condivisione. Ov­viamente non stiamo parlan­do dei servizi di streaming come Netflix, Prime Video o Disney+, che includono materiale rigorosamente co­perto da copyright: in questo caso tutte le app prevedono la possibilità di download dei video, ma solo all’interno delle app stesse in modo che non siano visualizzabili al di fuori di questa, perché pro­tetti da DRM, la protezione digitale dei contenuti. Per tutti gli altri casi, se non indicato diversamente, il download è permesso solo per ”uso personale” e non può essere ceduto o condivi­so online.

Gli add-on per browser

Per scaricare senza ,difficoltà i video dai vari siti di condivi­sione, una delle soluzioni mi­gliori consiste nell’affidarsi a un add-on per il browser Web. Se decidiamo di usare questi add-on, una volta installati non dobbiamo far altro che visitare la pagina con il video che ci interessa, avviarne la riproduzione in modo che il plug-in lo riconosca e ne attivi il download e quindi seleziona­re, nel menu dell’add-on, il tipo di download. Questo perché, nella maggior parte dei casi, i servizi di streaming offrono lo stesso video con risoluzioni di­verse, per adattarsi alla veloci­tà di connessione degli utenti.

Video DownloadHelper

Quindi per ogni video vedremo molto probabilmente diverse opzioni verse opzioni di download, ciascuna con risoluzioni, bitrate e, in alcuni casi, anche codec diversi. Esistono molti add-on per questo scopo, vediamone però uno in particolare, Video DownloadHelper. Esso è uno dei più versatili, perché da un lato è disponibile per tutti i browser più diffusi (Chrome, Firefox ed Edge), e dall’altro supporta ben cinquanta servizi di streaming online. Per installarlo, il metodo più sem­plice è quello di recarsi nel sito Web dell’add-on e di seguire le indicazioni per il proprio browser.

Scaricare video dai video downloadhelper
Per installare l’add-on Video DownloadHelper ,dobbiamo semplicemente visitare la pagina Web downloadhelper.net e cliccare il pulsante lnstall. Poi dovremo indicare il browser che utilizziamo e procedere con l’installazione. Verre­mo reindirizzati nella pagina degli add-on del browser in uso.
Scaricare video dai video downloadhelper2
Per scaricare i filmati con Video DownloadHelper visi­tiamo la pagina con il video. L’icona dell’add-on con le tre sfere, che è fra quelle degli add-,on installati, si colo­rerà quando rileva un video. Clicchiamola e selezioniamo il formato del video che desideriamo scaricare.

Una volta installato, vedremo comparire la sua ico­na, che rappresenta tre sfere colorate, nella barra degli strumenti del browser. Se non fos­se direttamente visibile, pro­viamo a cliccare l’icona degli add-on, solitamente a forma di una tessera di un puzzle. In ogni caso, potremo accedere alle opzioni di ,download del vi­deo di Video DownloadHelper cliccando su questa icona du­rante la riproduzione del video che intendiamo scaricare.

Download senza add-on

Se invece non vogliamo ”sporcare” il nostro browser con add-on, abbiamo a dispo­sizione un’altra opzione, per scaricare i nostri video: utiliz­zare un servizio online. Nel Web, infatti, possiamo trovare molti siti che offrono questa funzione, senza ob­bligarci a installare nulla nel nostro PC. Uno di questi siti è https://savefrom.net, che consente di scaricare un fil­mato semplicemente copian­do e incollando l’indirizzo della pagina contenente il video.

scaricare video da savefrom.net
Per scaricare video senza dover installare .applicazioni o add-on, possiamo servirci del servizio online savefrom.net La versione gratuita non consente il download alla
massima risoluzione, se non eliminando l’audio dal video. Ma è possibile comunque scaricare video fino a 720p di risoluzione.
scaricare video da savefrom.net2
Per utilizzare savefrom.net copiamo l’indirizzo della pagi­na con il video da scaricare e incolliamolo nel box di ricerca­ (nell’esempio, un v’ideo da YouTube). A lato del pulsante Download vedremo le opzioni di download disponibili. Clicchiamo quella scelta e procediamo allo scaricamento.

Savefrom.net, nella versione gratuita, limita il download a una risoluzione media (fino a 720p), mentre per quelle più alte richiede un abbonamento.

E’ però possibile scaricare i filmati in piena risoluzione ma senza audio, che poi possiamo facilmente abbinare all’audio del file in risoluzione standard con un con un software di editing video, per esempio MKVToolNix. Ricordiamo inoltre che legalmente, i video online possono essere scaricati ma non condivisi con altri.

LEGGI ANCHE

contattaci
Formazione, Sistemi

Come scaricare video da Vimeo

Se vuoi scoprire come scaricare video da Vimeo gratis e stai usando un computer con su installato Windows o macOS, vediamo insieme quali sono le soluzioni.

4K Video Downloader 

scaricare

Se cerchi un software che ti consenta di scaricare video da Vimeo, ti suggerisco 4K Video Downloader.

É un programma per Windows e macOS che permette di scaricare video.

È possibile scegliere tra vari formati e qualità per l’output e di base è gratis.

Per scaricare 4K Video Downloader sul tuo computer, collegati al sito ufficiale del programma e clicca sul pulsante Scarica 4K Video Downloader.

Quando il download sarà completato, se stai usando Windows, apri il pacchetto d’installazione appena ottenuto e nella finestra che vedi comparire sul desktop, clicca sul pulsante Next.

Inserisci il segno di spunta sulla casella relativa all’accettazione dei termini del servizio e porta a termine il setup premendo sui pulsanti Next, per due volte di seguito, Install e Finish.

In seguito, avvia il programma, selezionando il relativo collegamento aggiunto al menu Start.

Se stai usando macOS, invece, dopo aver scaricato il pacchetto d’installazione del programma sul computer, apri quest’ultimo, trascina l’icona di 4K Video Downloader nella cartella Applicazioni del Mac, fai clic destro sopra e seleziona la voce Apri dal menu contestuale.

a seguire, premi su Apri in risposta all’avviso sullo schermo, in modo da avviare il programma andando però ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso gli sviluppatori non certificati.

Ora che, visualizzi la finestra di 4K Video Downloader, copia nella clipboard del computer l’indirizzo del filmato di Vimeo da scaricare, premi su Incolla il collegamento collocato in alto a sinistra e attendi qualche secondo affinché il link venga elaborato.

Nella finestra che compare, assicurati che risulti selezionata l’opzione Scarica video dal menu a tendina sinistra, scegli poi il formato che preferisci dal menu Formato, indica la cartella in cui vuoi salvare il file finale previo clic su Sfoglia e procedi pure con il download, facendo clic su Scarica.

Video DownloadHelper

Un altro strumento per scaricare video da Vimeo è Video DownloadHelper.

Si tratta di un’estensione compatibile con i browser Chrome e Firefox, per cui la si può usare sia su Windows che su macOS.

Permette di catturare i video presenti su qualsiasi pagina Web e di effettuarne il download.

Per scaricare e installare l’estensione, se stai usando Chrome, collegati alla relativa sezione del Chrome Web Store e fai clic prima su Aggiungi e poi su Aggiungi estensione.

Invece, se stai usando Firefox, visita la relativa sezione del sito Internet Mozilla Addons e fai clic prima su Aggiungi a Firefox e Installa.

Ad installazione completata, apri la pagina di Vimeo che contiene il filmato che desideri scaricare, clicca sull’icona di Video DownloadHelper in alto a destra e seleziona la prima voce (quella con l’anteprima del filmato) dal menu che compare.

Se è la prima volta che scarichi video da Vimeo, ti verrà proposta l’installazione di un software, per portare a termine l’operazione: accetta, cliccando su Installa app integrativa.

A download completato, avvia il file che hai ottenuto e attieniti alle indicazioni riportate sullo schermo.

Come scaricare video da Vimeo online

Qui di seguito troverai i migliori servizi Web di questo tipo.

1: Loader.to

Loader.to

Supporta diversi siti di video sharing e consente di selezionare differenti formati e risoluzioni di output. Permette anche di estrapolare la sola traccia audio dai filmati ed è gratuita.

Recarti sulla home page e inserire l’URL del video presente su Vimeo che è tua intenzione scaricare nel campo URL.

Seleziona poi il formato di output e la risoluzione che preferisci tramite il menu a tendina Format e fai clic sul pulsante Download.

Attendi, che l’elaborazione del filmato venga portata a termine e clicca su Download presente nel riquadro in basso, così da avviare lo scaricamento tuo video.

2: VIDO

vido

VIDO è un’altra soluzione disponibile online. È molto facile da usare, permette di salvare i video di proprio interesse in vari formati e risoluzioni ed è gratuita anch’essa. Consente anche di estrapolare la sola traccia audio.

Vai sulla  home page, inserisci l’URL dei video presente su Vimeo che è tua intenzione scaricare nel campo di testo apposito situato al centro e fai clic su Go collocato a destra.

Individua poi il formato e la risoluzione che preferisci degli elenchi comparsi in basso e premi su Download.

Nella pagina Web che successivamente ti verrà mostrata, fai clic sul player video e seleziona l’opzione per salvare il contenuto sul computer dal menu contestuale che vedi comparire, in modo da procedere con il download.

contattaci
Formazione, Sistemi, Smartphone, Social media, Software, Telefonia Mobile

Spazio insufficiente smartphone: come risolvere?

Se il vostro smartphone vi mostra il messaggio “Spazio insufficiente” noi vi spieghiamo come risolvere il problema una volta per tutte.

Dopo un periodo più o meno lungo di utilizzo è probabile, soprattutto se non avete preso nessuna precauzione, che vi compaia questo messaggio sul vostro smartphone: “Spazio insufficiente”. In questo articolo vi faremo vedere come risolvere il problema della memoria insufficiente su smartphone.

Quando vi compare un messaggio di questo tipo lo smartphone, nota che la memoria interna sta per terminare e vi avvisa che potrebbe essere insufficiente. Non è questo un messaggio che si può ignorare, poiché quando lo spazio diventa insufficiente tutto le operazioni che svolgete subiscono un rallentamento, mentre alcune non potranno neanche essere svolte. Stiamo parlando di scattare  foto o video oppure di scaricare un video o una foto da whatsapp.

Molto spesso il messaggio “Spazio insufficiente” compare proprio a causa di foto e video. Già, perchè tra quelle fatti dalla nostra fotocamera e quelli che ci vengono inviati su whatsapp (che ovviamente vengono salvati sul telefono) non ci vuole troppo a riempire la memoria. In seconda posizione poi, ci sono le applicazioni, alcune non le utilizziamo ormai da mesi perchè non ci servono più, altre non ci ricordiamo neanche di averle installate. Ecco quindi che per liberare spazio dal nostro smartphone agiremo sui seguenti tre punti:

  • Foto, video e altri file multimediali;
  • Rimozione applicazioni inutili;
  • Eliminzione conversazioni Whatsapp.

Memoria insufficiente: come fare con foto e video?

Spazio insufficiente smartphone: come risolvere?

Certamente non siete giunti fin qui per sentirvi dire di eliminare foto e video dallo smartphone per risolvere il problema dello spazio insufficiente! A quello avevate sicuramente già pensato voi e sicuramente avrete scartato questa opzione perchè le foto e i video vi servono e volete conservarli. Daccordo, ma allora esiste una bacchetta magica che aumenta lo spazio e lascia lì tutti i nostri media? Diciamo di si, questo è quello che vi proponiamo di fare:

  1. Per prima cosa fate una cernita, eliminando tutte le foto e i video che non servono più;
  2. Collegate lo smartphone al pc e scaricate tutte le foto e i video.
  3. Crea un account Google e utilizza Google Drive per condividere tutte le foto.

A questo punto, ti basterà accedere a Google Drive dal tuo smartphone e tutte le tue foto e i tuoi video saranno li. Be, se non è una magia questa poco ci manca, perché già solo con questa operazione avremo recuperato tantissima memoria, sicuramente abbastanza da risolvere il problema dello spazio insufficiente ed avremo ancora a disposizione sul nostro smartphone tutte le nostre foto e i nostri video.

Rimozione delle applicazioni inutili

Questa seconda fase è molto più semplice da mettere in pratica rispetto alla prima. Basta andare su “Impostazioni“, scegliere la scheda “Generale” (solitamente in alto a destra) e infine “Gestione applicazioni“. Scorrete tutte le applicazioni installate sul vostro smartphone Samsung e quando ne trovate una da eliminare, cliccateci sopra e premete il pulsante “Disinstalla” in alto a destra.

Eliminare le conversazioni Whatsapp

L’ultimo passaggio da compiere per risolvere il problema dello spazio insufficiente del vostro smartphone consiste nell’eliminare le conversazioni WhatsApp. Per fare ciò, aprite l’applicazione WhatsApp ed entrate nella chat che volete eliminare. Quindi selezionate i tre pallini disposti in verticale in alto a destra e dal menù che si apre scegliete “Altro“.  Ecco dunque che vi comparirà un nuovo menù, la cui prima voce è “Cancella chat“.

contattaci
Creative, Formazione, Social media

Instagram TV: come creare un canale su IGTV

Nel 2018 Instagram ha celebrato il raggiungimento del milione di utenti attivi con il lancio di IGTV, ovvero il canale TV di Instagram. Da allora, questa piattaforma si è trasformata in una grande vetrina per le aziende di ogni tipo, che possono così promuovere i propri prodotti ad un vasto pubblico. In questo articolo verrà spiegato cos’è IGTV e cosa bisogna fare per creare un canale su questa TV Instagram.

Cos’è IGTV

IGTV (Instagram TV) è la piattaforma video di Instagram. Questa funziona come un’app indipendente, ma si può comunque accedere dall’app standard. Su IGTV chiunque può creare un proprio canale, sebbene sia preferita soprattutto da brand e influencer, che lo usano come una eccellente vetrina per la promozione dei prodotti, senza gli eccessivi costi che comporta una campagna di marketing tradizionale.

Su IGTV si potranno creare piccoli annunci o video di una durata massima di 60 minuti. I contenuti vengono pubblicati in modo casuale su Instagram, dal momento che il pubblico è potenzialmente immenso.

Come creare un canale su IGTV

Per cominciare, bisognerà scaricare l’app ufficiale IGTV, disponibile per Android e iOS. Successivamente creare un account basta collegarlo all’app principale Instagram. Per familiarizzare con IGTV, basta guardare la schermata iniziale. Si possono trovare video pubblicati da altri utenti, suddivisi per temi. Sarà anche possibile iscriversi ai canali di proprio interesse.

Instagram TV: come creare un canale su IGTV

Come impostare un canale IGTV

Per iniziare, aprire le Impostazioni, premendo l’icona a forma di ingranaggio. Fatto ciò, cliccare su Crea canale e seguire le istruzioni sullo schermo. Dopodiché si potrà associare il canale IGTV a Instagram.

Come caricare un video sul canale IGTV

Cliccare sulla propria foto del profilo. Dal simbolo a forma di + si potrà accedere alla galleria di foto e video del cellulare. Fatto ciò, carica il video di proprio interesse. Una volta che il video sarà caricato, lo si potrà visualizzare premendo l’icona della foto profilo (come tutti gli altri memorizzati).

Specificazioni dei video su IGTV

Durata: da uno a 15 minuti su mobile, fino ad 1 ora se il video viene caricato dalla versione IGTV web.

Archiviazione: formato MP4. Video verticali, con aspetto 9:16 o video orizzontali di 16:9. Minimo 30 FPS (fotogramma per secondo) e risoluzione minima di 720 pixel.

Dimensione: 650 MB per un video di dieci minuti (o meno) e fino a 3,6 GB per i video di grandi dimensioni.

Vantaggi di IGTV

Dalla sua creazione, IGTV si è trasformata in un’opportunità molto interessante per gli utenti che vogliono mostrare al mondo ciò che hanno da offrire. Come per YouTube, guardare video su IGTV è divenuta un’attività quotidiana di milioni di utenti. Essendo riprodotti automaticamente, i video hanno molta più possibilità di raggiungere un vasto pubblico e, la visualizzazione verticale rende l’esperienza molto più user friendly.

contattaci
Formazione, Internet, Sicurezza informatica, Smartphone, Tech

BrakTooth, la nuova pericolosa vulnerabilità al Bluetooth

BrakTooth, cos’è la nuova pericolosa vulnerabilità al Bluetooth che interessa tantissimi dispositivi

La Singapore University of Technology and Design ha scoperto ben sedici pericolose vulnerabilità al Bluetooth conosciute sotto il nome di “BrackTooth”. Almeno 1.400 i dispositivi coinvolti.

Il Bluetooth ha un grosso problema. Sedici, anzi. Si tratta di ben sedici vulnerabilità (ma sei ulteriori sono già in fase di verifica), la cui scoperta è stata comunicata solo in questi giorni ed il cui nome è collettivamente inteso come BrakTooth.

BrakTooth unifica sedici vulnerabilità al Bluetooth

Un video divulgato tramite YouTube esplicita mediante una similitudine le “potenzialità” distruttive dei difetti al Bluetooth. Non è casuale – né tantomeno un refuso – l’utilizzo del plurale, dal momento che siamo di fronte non già ad una sola vulnerabilità, ma a sedici storture unificate dal nome col quale sono riconoscibili, vale a dire “BrakTooth“.

Un numero certamente importante e non è escluso che possa ulteriormente lievitare nell’immediato proseguo. Questo anche perché sono in corso ulteriori accertamenti per verificare l’esistenza di ulteriori quattro difetti.

In che cosa consiste BrakTooth? Le sue “capacità” sono ben illustrate dalla Singapore University of Technology and Design nel video che abbiamo riportato sopra.

Le vulnerabilità permetterebbero infatti ai cyber-criminali di poter approntare manovre differenziate, tra cui soprattutto l’esecuzione a distanza di un codice arbitrario con lo scopo di compromettere la memoria del dispositivo. Sfruttando BrakTooth, è pure possibile riavviare il dispositivo o creare dei pacchetti che costringerebbero l’utente ad un riavvio forzato del device.

Un sito apposito è stato messo a punto per raccogliere tutte le informazioni sulle vulnerabilità e sulle sue soluzioni: la particolare pericolosità del problema impone immediata attenzione, ma l’assenza di situazioni di attacco massivo consente al momento un approccio di cautela orientato probabilmente a progettare le migliori soluzioni possibili per ogni singolo caso.

contattaci