• 1 mese fa
  • 6Minuti
  • 990Parole
  • 31Visualizzazioni

Ora è possibile accedere ai nuovi contributi e incentivi attraverso Internet, offrendo un valido sostegno per famiglie, giovani, madri e persone in difficoltà finanziarie. Ecco come richiederli.

Anche per il 2024 sono disponibili oltre 20 bonus in denaro, ma ancora in pochi ne sono a conoscenza. Questi incentivi sono destinati principalmente a persone con problemi economici, ma non solo. In molti casi si rivolgono a chi desidera cambiare l’auto, installare la fibra ottica o rottamare la TV. Inoltre, c’è un bonus di 500 euro anche per gli studenti che si diplomeranno a giugno con il massimo dei voti.

Fino a qualche anno fa, per comprendere a cosa avevamo diritto ed effettuare la domanda, era necessario rivolgersi a un patronato, a un CAF o a un commercialista. Tuttavia, oggi grazie a Internet è possibile accedere direttamente e in modo veloce al bonus che ci interessa. Gli unici requisiti indispensabili per gli incentivi sono il possesso dell’Identità Digitale, cioè dello SPID (o di una carta d’identità elettronica ovvero della CNS, Carta Nazionale dei Servizi), e della certificazione ISEE dei nostri redditi familiari.

L’ identità digitale

Allo stesso modo, è diventato più semplice ottenere l’Identità Digitale SPID, il vero grimaldello per accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione. Oggi, questa identità può essere ottenuta sia tramite il Web che in qualsiasi Ufficio Postale. Cercheremo di mostrare quanto sia tutto sommato semplice e veloce individuare i bonus più adatti per noi e effettuare le relative domande per ottenerli. Oggi, con l’Identità Digitale SPID, è possibile accedere sia al sito dell’INPS che a quello dell’Agenzia delle Entrate e di tutti gli enti e comuni italiani, senza obbligare le persone a recarsi fisicamente negli uffici e fare ore di code. Questo strumento è ancora poco utilizzato, in parte a causa della carenza di questi nuovi documenti e in parte perché i codici vengono persi regolarmente.

spid

La procedura per acquisire lo SPID è in realtà non proprio semplice, poiché l’identificazione online deve essere sicura e resistente agli hacker e ai criminali informatici, e allo stesso tempo unica. Al posto dello SPID, in molti casi è possibile utilizzare la carta di Identità Elettronica, ma solo se si hanno i codici forniti dal comune al momento dell’emissione. Inoltre, poiché la maggior parte delle persone utilizza lo smartphone per navigare su Internet, è stata aggiornata anche l’app unica della Pubblica Amministrazione, IO.

Molti la conoscono dai tempi del Covid, quando veniva usata per il Green Pass o per gestire l’operazione Cashback. Anche oggi, l’app IO è convenzionata solo con un numero limitato di enti e amministrazioni locali, ma da qualche tempo è possibile usarla per ricevere tutte le comunicazioni degli enti pubblici più grandi che vi stanno aderendo, e presto permetterà anche di archiviare documenti di identità, come la patente di guida.

ISEE: indispensabile per gli incentivi

La certificazione ISEE è necessaria per accedere agli incentivi previsti dalla Legge Finanziaria 2024, valutando il reddito familiare, l’eventuale possesso di immobili e il numero di componenti del nucleo familiare per ottenere un valore unico in euro. In passato, per ottenere questo certificato, era necessario presentare documenti finanziari presso un CAF o un patronato.

Tuttavia, oggi è possibile richiederlo online tramite il Portale Unico ISEE dell’INPS. È richiesta un’identità digitale SPID o una carta di Identità Elettronica con il codice PIN del comune. Il calcolo dell’ISEE richiede la compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), che riporta informazioni anagrafiche, reddituali e patrimoniali del nucleo familiare.

bonus

Prima di iniziare la procedura per ottenere l’ISEE online è consigliabile effettuare in pochi minuti una simulazione, inserendo alcuni indicatori come il reddito, il possesso di immobili e il saldo del proprio conto corrente. Il valore ottenuto sarà molto simile a quello reale e ci permetterà di capire subito se potremo accedere ai bonus per i quali è previsto un valore ISEE da rispettare. Una volta ottenute le indicazioni dalla simulazione, potremo passare alla procedura vera e propria, consapevoli di cosa ci spetti e cosa no. La DSU può essere presentata in qualsiasi periodo dell’anno.

Tuttavia, è importante ricordare che gli ISEE elaborati nel 2024 hanno validità fino al 31 dicembre 2024. Affinché la DSU sia completa, tutti i componenti maggiorenni del nucleo familiare devono dare il consenso all’utilizzo dei loro dati, per il quale è necessario che abbiano anche un’identificazione digitale SPID.

Attivati 35 milioni di SPID

I dati più recenti relativi al 2023 indicano che in Italia sono attive circa 35 milioni di Identità Digitali SPID, con oltre un miliardo di accessi nel 2022. Questi numeri significativi hanno portato il governo in carica a rinnovare la convenzione con i diversi gestori del servizio per il 2024. Tuttavia, l’obiettivo rimane quello di creare un’Identità Digitale e un portafoglio elettronico unico, sostituendo tutti i documenti cartacei dei cittadini e valido in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea.

posteid

Al momento non ci sono date certe per il lancio di questo strumento, ma i più ottimisti sperano che sia disponibile nel 2025. Attualmente, l’unica alternativa allo SPID è la Carta d’Identità Elettronica (CIE), che può essere utilizzata tramite un lettore di smart card sul proprio computer o attraverso uno smartphone dotato di tecnologia NFC, simile a quella utilizzata per le carte di credito contactless. Tuttavia, è necessario disporre del codice PIN fornito al momento dell’emissione della carta.

Se non abbiamo ancora l’Identità Digitale SPID, possiamo attivarla gratuitamente attraverso Poste Italiane (https://www.poste.it) se siamo già clienti BancoPosta o PostePay, oppure utilizzando una Carta di Identità Elettronica con il codice PIN fornito dal comune che l’ha emessa. In alternativa, è possibile richiedere lo SPID direttamente in uno degli uffici postali diffusi in tutta Italia.

Tuttavia, dovremo prendere prima un appuntamento dall’app Poste Italiane e pagare 12 euro per il servizio. Per conoscere tutti i dettagli sul funzionamento e avviare la procedura, basta visitare il sito https://posteid.poste.it/. Da qui è possibile consultare diverse sezioni, tra cui quella delle domande frequenti degli utenti, richiedere assistenza online o conoscere l’elenco dei contatti telefonici diretti tramite i quali essere guidati passo dopo passo. Dalla stessa pagina si possono anche sospendere e riattivare le credenziali.

    Contattaci subito

    LEGGI ANCHE: