Tag: notebook

Hardware, Technology

HP 470-G7: il notebook giusto per l’ufficio

L’HP 470-G7, laptop giusto per la scrivania.

L’HP 470-G7 è un model­lo di notebook inte­ressante. Ha tutte le carte in regola per chi ricerca un sistema potente con cui so­stituire, anche solo tempora­neamente, ad esempio quan­do si è fuori casa o ufficio, il proprio computer fisso.

HP 470-G7

Tra le sue specifiche più interessanti, infatti, spicca la diagonale del­lo schermo. Ben 17,3 pollici, che unitamente alla risoluzio­ne Full-HD, lo rendono idoneo anche per l’impiego di applica­zioni che esigono ampie aree di visualizzazione.

L’HP 470-G7 risulta eccellente quando si eseguono programmi di progettazione e grafica, oppure quelli per l’elaborazione video o il fotoritocco.

Si in­tegra con facilità in qualsiasi contesto lavorativo o ludico, grazie all’ampia dotazione di connessioni e terminazioni di cui è dotato.

Indice

Prestazioni

Progettato per la produttività, il notebook HP 470-G7 offre tutta la potenza e la versatilità essenziali per i professionisti di oggi. L’accattivante design e il display antiriflesso con diagonale da 17” offrono un’esperienza di visualizzazione straordinaria per tutte le vostre applicazioni.

Aumentate l’efficienza e la produttività grazie a un notebook che vi offre prestazioni e funzionalità degne di un PC desktop. Scoprite le prestazioni impareggiabili di un processore Intel® Core™ i5 di decima generazione, della scheda grafica dedicata AMD e dell’ampio storage per tutti i vostri dati più importanti.

Lavorate con la massima produttività e flessibilità nel vostro ufficio, grazie a funzionalità come HP Fast Charge[5], webcam HD e microfono integrato. Visualizzate al meglio il vostro lavoro sul display con diagonale da 17”. L’HP 470-G7 ha una memoria ram da 8gb e una ssd da 256 gb con Windows 10 Pro 64 bit.

Rimanete produttivi

Per il vostro business, serve un PC al passo con i tempi. L’HP 470-G7 con diagonale da 17”, dotato di caratteristiche quali un tastierino numerico completo, un touchpad di precisione e la protezione firmware TPM, vi consentirà di restare al passo con il vostro business, in ufficio e ovunque vi porti il lavoro.

Convenienza 8

Caratteristiche 8

Innovazione 8

LEGGI ANCHE

contatti
super notebook
Hardware, Technology

Super Notebook dal prezzo contenuto

Pesante soli 1,73 kg e a prova di urti secondo lo standard militare americano, integra un display da 15,6” e un disco SSD da 256 GB, vi presentiamo il super notebook dal prezzo contenuto.

Di solito i portatili business hanno un prezzo alla portata solo di professionisti e grandi aziende. Asus, invece, con il suo ExpertBook B1 propone un super notebook che possiede le caratteristiche di solidità e potenza necessarie per i professionisti insieme a un prezzo alla portata di molte famiglie.
La caratteristica che salta subito all’occhio è che a fronte di uno schermo Full HD da 15,6”, cioè decisamente ampio, dimensioni e peso sono ridotti al minimo (1,73 kg), e questo senza mettere a repentaglio la robustezza visto che ExpertBook B1 ha superato i rigidi test dell’esercito americano.

Super Notebook
ASUS ExpertBook B1

Tutte le componenti sono comunque al top, a partire dal processore Intel Core i5 di undicesima generazione e dal disco SSD da 256 GB. È anche presente il nuovo chip Wi-Fi 6 che permette di ottenere connessioni wireless più veloci. Anche la sezione multimediale è all’altezza grazie alla tecnologia di cancellazione del rumore bidirezionale che permette di effettuare videochiamate senza disturbi.
Unico vero limite è la memoria RAM da 8 GB, che per un super notebook per utilizzo professionale possono essere pochi.

Massima connettività

Un professionista deve avere sempre a disposizione tutte le connessioni necessarie per lavorare. ASUS ExpertBook B1 è sicuramente all’altezza di questa esigenza visto che vanta due porte USB-C 3.2 di seconda generazione e una classica USB 2.0 Type A. Inoltre è presente la HDMI per le proiezioni, una porta Ethernet e anche uno slot per schede microSD. Se proprio volessimo cercare il pelo nell’uovo, questo sarebbe la mancanza del lettore DVD, che però influirebbe sul peso complessivo. Tutte queste caratteristiche fanno del ASUS ExpertBook B1 un vero e proprio super notebook ad un prezzo accessibile.

Pro: Struttura leggera e resistente, componenti di ultima generazione, ottimo display. Contro: Solo 8 GB di RAM, non ha la tastiera retroilluminata.

LEGGI ANCHE

contattaci
Formazione, Hardware, Smart working

2020-2021: l’anno d’oro dei notebook

Chi dava per morto il Pc dieci anni fa si sbagliava, e di grosso. Il 2020-2021 è stato l’anno d’oro dei notebook. Il mercato dei Pc è tornato a crescere dopo un decennio in calo, grazie alla pandemia che ha chiuso in casa milioni di persone a causa del lockdown.

Se c’è un dato che può ben fotografare cosa sia stato un anno di pandemia, questo è il numero di notebook venduti dal primo trimestre 2021 a questa parte. Vede vendite in crescita di oltre l’80%, con HP, Apple, Acer e Chrome OS ad ottenere i risultati migliori anno su anno. Secondo stime di Canalysle vendite di Pc hanno raggiunto 297 milioni di unità nel 2020, in aumento dell’11% rispetto al 2019. Secondo IDC la crescita è stata di vendite annua è stata del 13,1%, con Gartner a certificare l’anno d’oro dei notebook nel 2020-2021, il migliore dal 2010 a oggi.

notebook lenovo

Il ruolo della pandemia

In tempi di pandemia, l’isolamento e i lockdown del resto, non potevano che portare gli utenti online. I numeri risultanti ad un anno di distanza sono il segno di un mercato che, pur stagnante fino a un anno fa, ora vive una nuova improvvisa ed inattesa rinascita. Jitesh Ubrani, research manager per Mobile Device Trackers di IDC, ha affermato: “La domanda non soddisfatta dello scorso anno è proseguita nel primo trimestre, a cui si è aggiunta quella causata dalla pandemia, tale da generare elevati volumi di vendita. Inoltre l’ultimo report della società di analisi Idc, riporta come, in questa prima parte dell’anno, siano stati spediti 83.981 milioni di dispositivi. Un netto balzo in avanti in confronto ai 54.123 del primo trimestre 2020.

Notebook 4g e 5g

Le vendite globali di Pc muniti di connessione 4G e 5G è aumentata del 70% nel 2020, superando quota 10 milioni di unità. Un trend di crescita alimentato dalla sviluppo di massa dello smart working e della chiusura degli uffici. Condizione questa che ha costretto milioni di persone a lavorare da casa.

Lo rende noto la società Strategy Analytics, che ha analizzato il mercato globale evidenziando che il Nord America ha rappresentato circa la metà delle vendite di Pc 3G, 4G e 5G venduti lo scorso anno, a fronte di Europa e Asia-Pacifico che insieme rappresentano il 45% del mercato.

Lenovo miglior venditore

A festeggiare maggiormente per questa crescita sono nomi quali HP, Apple, Acer e altri ancora. Tutti depositari di una crescita stimata tra il 90 ed il 100% rispetto al Q1 2020. Dell è l’unico elemento del gruppo che non riesce a raggiungere performance in linea con il mercato, fermandosi ad un comunque lusinghiero +37%. Lenovo, numero uno del comparto, passa da 8,9 a 16,3 milioni di unità vendute nel trimestre, con un trend relativo pari a +84%.

contattaci
Hardware

C’è la piattaforma Intel Evo a contrassegnare i migliori portatili

Intel ha annunciato il brand Intel Evo, una piattaforma per la progettazione di laptop, co-ingegnerizzati e certificata attraverso il programma di innovazione Intel Project Athena. Si tratta di laptop dotati di processori Intel Core di undicesima generazione con grafica Intel Iris Xe e sono verificati per rispondere alle specifiche Second Edition e ai Key Experience Indicator (KEI) di Project Athena. Nel 2019, sulla base di ricerche effettuate sul campo per studiare il modo in cui le persone utilizzano i propri laptop, Intel ha sviluppato metriche tecniche denominate KEI come indicatori basati sull’esperienza attraverso cui misurare tutti i design basati su Project Athena.

Nel 2020 Intel ha intensificato la propria metodologia di testing perché sia ancora più aderente alla realtà: le verifiche dei dispositivi di seconda edizione prestano attenzione all’interazione tra attività locali e attività basate su cloud per riflettere meglio l’attuale ambiente di lavoro agile. Intel ha inoltre intensificato i test sui carichi di lavoro e sul numero di attività per la misurazione dei KEI – 25 attività contro le 15 della prima edizione – per aiutare a far sì che i design forniscano le esperienze e le tecnologie promesse anche in condizioni operative reali. Questi i principali parametri richiesti: prontezza di risposta continua della batteria; riavvio del sistema da standby in meno di 1 secondo; nove o più ore di durata della batteria in condizioni di utilizzo reale con sistemi dotati di display FHD; ricarica rapida con fino a 4 ore di utilizzo in meno di 30 minuti su sistemi dotati di display FHD. A oggi, più di 20 laptop sono stati certificati per la piattaforma Intel Evo e lanciati dai partner di Intel.

contattaci

Hardware

Come aumentare la durata della batteria del notebook

Il problema principale che si ha, quando si utilizza un computer portatile, è sicuramente la durata della batteria.
Negli ultimi tempi i notebook stanno sempre più prendendo piede e questa inversione di tendenza è dovuta essenzialmente alla comodità che si ha nel portare il computer in giro anche in appartamento, ma anche alla sempre maggiore potenza che questi PC riescono ad avere.

Naturalmente, la durata della batteria del notebook, è fondamentale!

Proprio per aiutarvi, in questo nuovo articolo vedremo come prolungare l’autonomia del computer portatile esaminando alcune possibili soluzioni al problema.

3 trucchi per non rovinare la batteria del computer portatile | Libero  Tecnologia

Disattivare l’avvio automatico dei programmi

I processi che si avviano con l’accensione del PC, possono rallentare considerevolmente la velocità del computer, consumando anche importanti risorse. Un metodo semplice per eliminare questo problema, consiste nel disabilitare i processi con avvio automatico. Vediamo come fare su Windows o Mac:

Windows

1 – Tenere premuti i tasti CTRL + Shift Esc sulla tastiera, in modo da accedere al Task Manager, quindi in “Gestione attività” accedere alla scheda Avvio;

disattivare avvio automatico

2 – A questo punto, cliccare con il tasto destro del mouse sul programma che si desidera disabilitare all’avvio e premere su Disabilita, tutto qua, procedura completata.

Mac

1 – Aprire Preferenze di Sistema, cliccare poi su Utenti e Gruppi, quindi entrare in Elementi login;

2 – Selezionare l’applicazione da disabilitare e premete il pulsante  in basso della finestra, procedura conclusa.

Ridurre la luminosità dello schermo

Il consumo della batteria, come per gli smartphone, spesso è influenzato dall’alta luminosità impostata nel display. Possiamo regolare questa impostazione, seguendo i seguenti passaggi:

1 – Cliccare con il tasto destro del mouse, sul pulsante Start in basso a sinistra dello schermo, quindi selezionare Impostazioni;

2 – Fare clic su Sistema, quindi accedere alla sezione Schermo nella parte sinistra della finestra;

3 – Ridurre la luminosità dello schermo.

diminuire lumiosità schermo

Occorre sottolineare che la sezione Schermo varia in base agli aggiornamenti di Windows presenti sul computer.

Disattivare la ricerca Wifi

Ogni computer portatile è settato in modo da eseguire automaticamente una scansione delle connessioni wireless vicine. Se non ci interessa utilizzare la rete wifi, possiamo disabilitare la scansione automatica in modo da aumentare la durata della batteria del computer. Fate come indicato nelle righe seguenti:

Windows

1 – Cliccare in basso a destra dello schermo sull’icona delle notifiche;

2 – Premere sulla dicitura Espandi;

3 – Attivare la Modalità aereo.

impostare modalità aereo sul computer

Mac

1 – Aprire Preferenze di Sistema;

2 – Accedere alla sezione Risparmio energia;

3 – Troverete la voce Stop, utile per decidere quando attivare il basso consumo della batteria.

4 – Impostare come attiva anche l’opzione Metti in stop disco rigido quando possibile.

Attivare il risparmio energetico

La modalità di risparmio energetico, permette di prolungare moltissimo la durata della batteria del portatile. Vediamo come si attiva in modo facile:

1 – Accedere al pannello di controllo. Per farlo, potete digitare pannello di controllo nella casella di ricerca in basso a sinistra dello schermo e premere il tasto Invio sulla tastiera;

2 – Cliccare e entrare nella sezione Sistema e sicurezza, quindi fare clic su Opzioni risparmio energia;

impostazioni risparmio energetico

3 – Selezionare Risparmio energia.

Grazie a questa semplice impostazione, l’autonomi del computer aumenterà notevolmente.

Rigenerare la batteria

Il processo di rigenerazione della batteria, consiste nell’alternare fasi di carica e scarica completa. Questo processo è facilmente eseguibile lasciando scaricare completamente la batteria del portatile e rimettendolo in carica.

Una volta completata la procedura e raggiunto il 100% di carica, ripetere nuovamente l’operazione dalle 3 alle 5 volte. Questo accorgimento è utile anche nei tablet e negli smartphone e non ha particolari controindicazioni.

Se questi consigli non sono serviti ad aumentare la durata della batteria del computer, sarà necessario sostituire la batteria del notebook perché probabilmente è danneggiata.

Leggi anche: Quale notebook compro

Siamo certi che con i nostri consigli, la batteria del computer sarà tornata come nuova. Per qualsiasi informazione o chiarimento, non esitare a contattarci.

Hardware, Software

Quale notebook compro?

La guida per destreggiarsi all’interno del complesso mercato dei computer portatili e poter così comprendere quale notebook comprare. Come sempre tutto dipende dalle specifiche esigenze di utilizzo e, ovviamente, dal budget a disposizione.

Estate 2020 – Scegliere quale notebook comprare è diventata un’impresa ardua. Lo smart working e la didattica a distanza hanno ribadito l’importanza di uno strumento, i computer portatili appunto, che negli ultimi anni ha lasciato un po’ il passo a smartphone e tablet. Il mercato offre ormai tante alternative, l’importante è sapersi districare agevolmente e la nostra guida vi condurrà per mano a tal scopo.

I sistemi operativi

Windows e macOS, sono questi i sistemi operativi a cui fare riferimento oggi per decidere quale notebook comprare. Come vedrete, la nostra selezione è composta da computer realizzati attorno, rispettivamente, alla creatura di Microsoft ed a quella di Apple. Il mercato offre anche Linux, ma quest’ultimo è un sistema operativo per utenti particolarmente consapevoli, a cui magari potremo dedicare più in là una guida ad hoc.

Abbiamo dunque scelto prodotti basati su Windows 10 (Microsoft) o macOS Catilina (Apple), ovvero le più recenti versioni dei due sistemi operativi.

Le caratteristiche tecniche basilari

Ci sono alcune caratteristiche tecniche che è bene controllare quando si sceglie quale notebook comprare. Le abbiamo sintetizzate di seguito:

  • la memoria d’archiviazione, ossia lo spazio in cui vengono immagazzinati tutti i dati, è importante che sia di tipo SSD e non hard-disk magnetico. Il motivo è che si tratta di uno standard più recente e nettamente più veloce, il che si ripercuote positivamente sulle prestazioni complessive del computer. I modelli che vi proporremo hanno tutti memoria di tipo SSD;
  • il processore, Intel o AMD, ovvero i due principali produttori di chip per computer. Fino a qualche tempo fa, i processori Intel erano una scelta obbligata in quanto a supporto e prestazioni. Oggi gli AMD hanno raggiunto praticamente il medesimo livello (superandolo in alcuni casi), per cui nella nostra guida ci sono sia computer con processore Intel che AMD;
  • le porte di connessione, il cui numero si sta sempre più riducendo. Si tratta di quegli ingressi, posizionati tipicamente sui lati dei notebook, che consentono di collegare chiavette USB, hard-disk esterni, schede di memoria, proiettori. La tendenza attuale è quella di ridurre drasticamente il numero di queste porte a favore delle porte USB-C, dei connettori a cui collegare degli adattatori (che a loro volta consentono di utilizzare con il computer chiavette USB. hard-disk esterni ecc.). Anche qui dipende dalle esigenze ma nel caso aveste la necessità di utilizzare spesso, ad esempio, le schede di memoria, preferite modelli con l’apposito ingresso anziché solo le USB-C.
  • la dimensione delle schermo, infine, che oltre a determinare la grandezza stessa del display incide notevolmente sulle dimensioni generali del notebook. Per cui, nel caso foste alla ricerca di un computer da portare sempre con voi, magari da trasportare in un zaino all’Università o al lavoro, orientatevi su diagonali comprese tra i 12 o i 13 pollici. Viceversa, nel caso la trasportabilità non sia la vostra priorità, potete fare riferimento ai 15 e ai 17 pollici;

Le categorie di notebook

Abbiamo individuato sei categorie che riflettono praticamente tutte le esigenze generali che ruotano attorno ai notebook. Come accade sempre con le nostre guide però, anche questa sarà costantemente aggiornata in base alle nuove uscite sul mercato. Nulla ci vieterà, nel tempo, di aggiungere altre categorie, nel frattempo eccole elencate:

  1. autonomia, per chi necessità di una batteria a lunga durata;
  2. rapporto qualità/prezzo, per chi ha bisogno della massima resa senza spendere cifre da capogiro;
  3. editing foto/video, per chi in ambito grafico, magari come fotografo o video maker;
  4. convertibile, ideale per chi ha bisogno contemporaneamente di un notebook e di un tablet;
  5. ultrabook, per chi necessità delle massime prestazioni abbinate a un’eccellente trasportabilità del computer;
  6. gaming, per chi vuole utilizzare il notebook soprattutto con i videogiochi.

1. Autonomia:HP Spectre X360 13 2019

Grazie alla batteria da ben 60.7 Wh (wattora), HP Spectre X360 edizione 2019 consente di portare a termine anche le giornate più impegnative senza dover essere collegato alla presa elettrica. Si tratta comunque di un prodotto di fascia medio-alta, con un ottimo schermo da 13.3 pollici touch-screen (può essere utilizzato anche con le dita) con risoluzione Full-HD (1.920 x 1.080. pixel). Vista la diagonale del display, può essere trasportato con estrema facilità, anche perché pesa 1,2 chilogrammi. Da segnalare la presenza in confezione della HP Pen, un accessorio molto simile alla Apple Pencil degli iPad, con il quale poter trasformare il notebook in una tavoletta grafica o blocco note.
Costo: 1700 euro.

Quale notebook comprare

2. Rapporto qualità/prezzo: Huawei MateBook D15

È il classico notebook con cui poter fare bene un po’ tutto, incluse le operazioni un po’ più complesse. Ha uno schermo da 15 pollici, per cui risulta particolarmente comodo per chi è costretto a passare molte ore in compagnia del computer. Particolarmente curata la tastiera, ottima per lunghe sessioni di scrittura con Microsoft Word. Buona la dotazione di porte, con ben tre USB-A (per hard-disk esterni, chiavette ecc.), una porta HDMI (per proiettori e monitor esterni) e una porta USB-C per la ricarica rapida. Unico punto debole il peso, che raggiungi 1,9 chilogrammi, quasi inevitabile però con un display così grande. Costo: 570 euro.

Quale notebook comprare

3. Editing foto/video: Apple MacBook Pro 16

Con il MacBook Pro da 16 pollici Apple ha risolto tutti i piccoli difetti riscontrati nel modello precedente da 15 pollici, ormai fuori produzione. L’azienda di Cupertino ha infatti integrato una nuova tastiera, ha leggermente aumentato le dimensioni complessive della scocca per migliorare il raffreddamento e ha implementato i processori Intel di nuova generazione. Ne è scaturito il notebook perfetto per chi lavora nell’ambito dell’editing fotografico e del videomaking, anche perché grazie alla presenza del sistema operativo macOS, è possibile utilizzare programmi che su Windows non funzionano, come ad esempio il diffusissimo Final Cut Pro X per il montaggio video. Costo: 2700 euro.

Quale notebook comprare
ù

4. Convertibile: Microsoft Surface Pro 7

Sia notebook che tablet. Il Surface Pro 7 di Microsoft è infatti composto da uno schermo (con all’interno tutte le componenti, incluso il processore) che si aggancia magneticamente a una tastiera (da acquistare separatamente). In questo modo si ha a disposizione un computer a tutti gli effetti, basato su Windows 10 e in grado di essere utilizzato nei contesti più disparati. Nel momento in cui però si ha bisogno di un tablet (magari per godersi sul divano una puntata della propria serie TV preferita), basta sganciare la tastiera e il gioco è fatto. In questa modalità è possibile sfruttare il display touch screen, ma anche la Surface Pen (anche questa da acquistare separatamente), un accessorio identico alla Apple Pencil degli iPad, che trasforma il dispositivo in un blocco note o tavoletta grafica. Un dispositivo unico nel suo genere insomma. Costo: 800 euro.

Quale notebook comprare

5. Trasportabilità: ASUS Expertbook B9450

Pesa solo 995 grammi questo notebook, meno di 1 chilogrammo. Quando lo si prende tra le mani sembra quasi finto per quanto è leggero, eppure al suo interno nasconde caratteristiche tecniche da primo della classe (ma può essere configurato anche con specifiche di fascia media, così da contenere maggiormente il prezzo). La sua forza è dunque quella di unire l’assoluta trasportabilità a ottime prestazioni, una qualità non da tutti. Mette comunque a disposizione un display da 14 pollici, per cui sufficientemente grande sia per lavorare che per guardare un film, anche perché il pannello ha risoluzione Full-HD (1.920 x 1.080 pixel). Infine, nonostante le dimensioni ridotte, ha una buona dotazione di porte: una USB-A (per chiavette e hard-disk esterni), due USB-C e una HDMI (per proiettori e monitor esterni). Costo: 1050 euro.

Quale notebook comprare

6. Gaming: Lenovo Legion Y740

Ci sono due aspetti che accomunano i portatili pensati per dare il meglio con i videogiochi: il prezzo elevato e l’importante ingombro dimensionale. Non fa eccezione questo Lenovo Legion Y740, un vero e proprio concentrato di potenza con uno schermo da ben 17,3 pollici. Può essere configurato con differenti caratteristiche tecniche a seconda delle specifiche esigenze, il che può far ulteriormente schizzare verso l’alto la cifra per acquistarlo. Tutta questa potenza può però essere sfruttata in tanti altri ambiti, come ad esempio il ritocco fotografico con programmi come Photoshop o il montaggio video. Ricordatevi però: lui pesa ben 3 chilogrammi e si fa sentire quando lo infilate nello zaino o in borsa. Costo: 1900 euro.

Quale notebook comprare