• 2 anni ago
  • 3Minutes
  • 442Words
  • 70Views

Si tratta di una tecnologia che emula l’effetto surround che normalmente si sperimenta nelle sale cinematografiche: di fatto sembra che il suono provenga da posizioni diverse, come potrebbe avvenire nella realtà.
È disponibile da poche settimane grazie al sistema operativo iOS14 e funziona sia su iPhone che iPad.

Come funzionano?

Apple consente di attivare l’audio spaziale — almeno per ora — esclusivamente con gli auricolari wireless AirPodsPro.
Il motivo si deve al fatto che per ottenere questa sorta di effetto multi-canale vengono impiegati anche i sensori di movimento. Già, perché non solo si è circondati dal suono ma questo viene ancorato al dispositivo sorgente, influendo di conseguenza sulla nostra percezione nel momento in cui muoviamo la testa. In un classico film, ad esempio, dove i due protagonisti dibattono al centro dello schermo, ruotando la nostra testa verso destra sentiremmo l’audio provenire dal canale sinistro; guardando alle nostre spalle invece lo sentiremmo provenire da dietro. In sintesi è la stessa cosa che proveremmo nella realtà assistendo a una scena analoga. Tecnicamente le componenti software e hardware dell’iPhone o dell’iPad, in sinergia con gli auricolari, convertono il segnale audio digitale ad alta qualità dei film o gli show in un surround «Made in Apple».

Compatibile con poche piattaforme per il momento

L’audio spaziale non funziona con tutti i film e soprattutto tutte le piattaforme streaming. Attualmente si abilita in presenza di titoli codificati in Dolby Digital o Dolby Digital+ sia 5.1 che 7.1; ancora meglio se si parla di Dolby Atmos. In Italia le uniche piattaforme video compatibili per ora sembrano essere Apple TV+ e Disney+, ma non è escluso che in futuro aumentino. Inoltre, sebbene Apple non si sia ancora sbilanciata al riguardo, questa funzione speciale potrebbe funzionare anche con la musica e i videogiochi. Ad esempio proprio la nuova Playstation 5 dovrebbe supportare qualcosa di simile chiamato 3D Audio — grazie al formato Sony 360 Reality Audio.

Come attivarlo?

L’audio spaziale è compatibile con iPhone 7 (o successivo), iPad Pro 12,9 (dalla 3° generazione in poi), iPad Pro 11, iPad Air (3° gen.), iPad (dalla 6° gen.) e iPad mini (5° gen.). Ovviamente bisogna disporre anche di AirPods Pro correttamente aggiornate. Per l’attivazione la prima cosa è ovviamente installare iOS14 sul proprio iPhone o iPad. Dopodiché una volta compiuto l’abbinamento tra gli auricolari e il dispositivo, mentre si indossano, è sufficiente accedere a Impostazioni. Bisogna poi selezionare Bluetooth e individuare le cuffie (che risulteranno connesse). A quel punto cliccando sulla «i» in evidenza si potrà accedere al pannello impostazioni delle AirPods Pro. Scorrendo la pagina verso il basso non si potrà fare a meno di notare una linguetta correlata all’attivazione dell’audio spaziale e una voce che ne consentirà il test.