• 10 mesi ago
  • 4Minutes
  • 729Words
  • 87Views

L’hard disk è uno dei componenti più delicati di un computer, nonché tra i più soggetto a rovinarsi con maggiore facilità.

I più moderni SSD sono molto più resistenti dal punto di vista fisico, ma sono soggetti a problemi di natura software che possono causare crash, schermate d’errore e altri problemi al sistema operativo del computer.

Se ti ritrovi a fare i conti con situazioni di questo tipo e se hai il sospetto che l’hard disk del tuo PC si sia rotto, non disperarti vediamo insieme come riparare un hard disk.

Come riparare hard disk su Windows

Se ti interessa capire come riparare hard disk e stai usando Windows, ci sono 3 modi:

  • Utility di controllo degli errori 
  • ScanDisk
  • Prompt dei comandi
hard disk

Utility di controllo errori

Se il tuo PC ha Windows 8 o versioni successive, ad esempio Windows 11, sappi che il controllo del disco viene eseguito in modo del tutto automatico direttamente dal sistema operativo e, quindi, non ci dovrebbe essere bisogno di agire manualmente.

Per riuscire a fare il controllo manualmente devi avviare l’Esplora File di Windows, facendo clic sulla relativa icona (quella con la cartella gialla) posta sulla barra delle applicazioni.

Nella finestra sul desktop, apri il menu Questo PC situato sulla barra di sinistra facendo clic su (⌵), fai clic destro sul nome dell’unità che vuoi prendere in esame (es. Disco Locale C:) e seleziona la voce Proprietà dal menu che compare.

Infine, fai clic su Strumenti situata nella nuova finestra che ti viene mostrata, premi Controlla e poi clicca Analizza unità presente nel riquadro che si apre. Adesso, non devi fare altro che attendere il completamento dell’operazione e l’eventuale riparazione degli errori individuati dall’utility di controllo.

ScanDisk

Se, invece, il tuo computer ha Windows 7 o versioni precedenti del sistema operativo Microsoft, l’utility di controllo degli errori disponibile si chiama ScanDisk ed è molto semplice da usare.

Per potertene servire, fai clic sul pulsante Start che trovi sulla barra delle applicazioni e seleziona la voce Computer dal menu che si apre.

In seguito, fai clic destro sull’icona dell’unità che desideri controllare ed eventualmente riparare (es. Disco locale (C:)) e, nel menu visualizzato, clicca sulla voce Proprietà.

Ora, seleziona la scheda Strumenti, fai clic su Esegui ScanDisk e metti la spunta sulle caselle Correggi automaticamente gli errori del file system e Cerca i settori danneggiati e tenta il ripristino.

Per avviare la procedura di ricerca degli errori e la loro eventuale riparazione, premi sul bottone Avvia e attendi che venga completata l’operazione.

ScanDisk

Prompt dei comandi

Puoi provare a riparare hard disk su Windows anche utilizzando il Prompt dei comandi e, nella fattispecie, il comando CHKDSK (CheckDisk).

Questo comando permette di personalizzare l’esecuzione del controllo del disco con alcune variabili che possono tornare utili qualora vengano riscontrati determinati problemi nella riparazione del disco.

Avvia il Prompt dei comandi: digita “cmd” nella barra di ricerca di Windows, fai clic destro sul nome dell’applicazione, seleziona la voce Esegui come amministratore dal menu che si apre e conferma l’operazione premendo sul bottone  nella finestra che compare.

Una volta che avrai avviato il Pront dei comandi, impartisci i comandi CHKDSK C: /F /R oppure CHKDSK C: /spotfix (solo su Windows 8 e versioni successive) e premi Invio della tastiera. Conferma, poi, l’avvio della procedura di controllo del disco al riavvio del PC digitando prima la lettera S e premendo nuovamente il tasto Invio.

Ci sono anche delle variabili che permettono di personalizzare l’esecuzione del controllo del disco. Eccone alcune:

  • /F – per riparare gli errori presenti sul disco.
  • /R – localizzare i settori del disco danneggiati e recuperare le informazioni presenti in essi. Per utilizzarla bisogna adoperare la variabile /F.
  • /V – visualizzare il nome e il percorso completo di tutti i file sul disco (solo per i dischi formattati con il file system FAT o FAT32).
  • /X – smontare i volumi in modo forzato. Per utilizzarla, anche in questo caso è richiesto l’impiego della variabile /F.
  • /scan – correggere gli errori risolvibili senza riavviare il sistema (solo su Windows 8 e versioni successive).
  • /spotfix – correggere gli errori del disco al successivo riavvio del sistema (solo su Windows 8 e versioni successive).

Leggi anche:

  • “Eliminare i file dall’hard disk in modo definitivo” –> clicca qui
  • “Proteggere un hard disk con una password” –> clicca qui
Contattaci