• 5 mesi ago
  • 4Minutes
  • 652Words
  • 59Views

Banca dati: la cassaforte più importante di un’impresa. Vediamo attraverso questo articolo l’importanza di questa risorsa.

Non a caso la corretta traduzione in italiano del database è banca dati: in banca si tengono le cose preziose, i valori, forse anche i ricordi importanti. Oggi per un’azienda i dati personali sono un valore fondamentale non certo perché il GDPR impone di trattarli e conservarli come tali. Ma piuttosto perché sono un asset fondamentale per l’organizzazione e la gestione di ogni azienda: piccola o grande che sia.

Numeri di telefono, mail, indirizzi di clienti e fornitori sono niente se pensiamo a che cosa consideriamo oggi “dato personale”, sia dalla legge che dagli analisti. Questi infatti li usano per migliorare le performance aziendali sia per programmare strategie e futuro. Per dati, in questo contesto, non parliamo quindi solo di mere schede anagrafiche. Ma piuttosto di tutto quell’insieme di elementi che sono sempre più indispensabili in una economia di mercato sempre più globale e digitale.

I dati, una risorsa vitale

Già per qualcuno, forse, un like su un post della pagina aziendale dice molto di più del nome di chi lo ha messo. La provenienza geografica dei follower di un personaggio politico o dello spettacolo è essenziale per decidere dove promuovere di più, o di meno la sua presenza. Per un’azienda che produce qualsiasi prodotto lo scoprire che in una data città c’è un calo di vendite e un contestuale aumento di commenti social negativi su un dato prodotto diventa essenziale scoprire il perché. E di conseguenza poter inviare un sondaggio agli interessati è di assoluta vitale importanza.

Il problema è che per poterlo fare oggi il consumatore deve avere preventivamente autorizzato l’utilizzo della sua mail per ricevere le domande. Inoltre deve essere anche consapevole di averlo fatto.

Questo è soltanto uno degli aspetti disciplinati dal GDPR. Il Regolamento Europeo in vigore dal 2016 e che dal 25 maggio 2018 dovrebbe trovare piena applicazione da parte di ogni azienda e professionista. Se non si adempie a ciò, anche il semplice detenere numeri di telefono e anagrafiche configura trattamento illecito di dati personali. Per giunta sanzionabile a livello economico da parte del Garante con cifre anche a sei zeri, oltre che con misure interdittive quali, ad esempio, la chiusura di un sito internet che ha una privacy e una cookie policy non conformi alla disciplina. Magari che l’hanno copiata da internet ritenendo che siano tutte uguali come quando era possibile acquistare contratti prestampati in cartoleria.

Banca dati: la cassaforte più importante di un'impresa.

Il rischio di data breach

Per ogni singolo dato e per ogni forma di trattamento il GDPR impone che venga raccolto uno specifico consenso informato. Inoltre che anche la forma di manifestazione del consenso venga conservata insieme ai dati.

Ma che cosa accade quando una cassaforte viene scassinata dai soliti ignoti o dalla Banda Bassotti di turno che, oggi, invece di essere dei simpatici imbranati sono degli hacker di primissimo livello?

Quello che la norma definisce data breach, inoltre, non è solo la perdita di dati a causa dell’attacco di un hacker che cripta i database aziendali e chiede un più o meno pingue riscatto per restituirli. Data breach è anche la perdita accidentale di un computer o di una memory portatile. In queste ipotesi, che sappiamo non essere un semplice rischio, bisogna prendere le misure necessarie non solo a recuperare i dati prima di perdere definitivamente una parte dell’efficienza aziendale, ma anche avere previsto una procedura per avvisare la propria clientela e i fornitori dei rischi che corrono.

Riusciamo ad immaginare, ad esempio, le conseguenze di una mail inviata a tutti i vostri clienti con la quale, in prossimità di un pagamento, ricevono da un indirizzo mail assolutamente riferibile alla vostra azienda, con cui si comunica un diverso iban? Ecco perché il GDPR deve essere applicato: non solo per proteggere quel valore aziendale che sono i dati, ma anche per proteggere voi stessi.


Avvocato Gianni Dell’Aiuto

contattaci