attacco hacker regione lazio
  • 1 anno ago
  • 3Minutes
  • 584Words
  • 54Views

È un attacco hacker che non ha precedenti in Italia quello avvenuto la scorsa notte contro il sistema informatico della Regione Lazio. L’intrusione ha mandato in tilt il sistema di prenotazione del vaccino, ma potrebbe avere causato danni ben più gravi, minacciando la riservatezza dei dati sensibili del 70% degli abitanti di Roma e Province vicine che si erano vaccinati. Mentre il virus informatico è ancora attivo, i servizi di intelligence italiani ed europei stanno indagando per ricostruire l’accaduto. Dai primi accertamenti della polizia postale è emerso che l’attacco è partito dall’estero, anche se non è ancora stato possibile circoscrivere l’area geografica.

I dati sensibili di milioni di cittadini vaccinati a Roma e nelle provincie potrebbero finire nelle mani dei pirati del web, che hanno chiesto un ingente riscatto in bitcoin: informazioni di comuni cittadini, ma anche di politici, dirigenti e imprenditori. Si teme che la minaccia diventi nazionale.

Fonti di sicurezza fanno inoltre sapere che i pirati non hanno avuto accesso alle storie cliniche dei milioni di utenti registrati sul Ced regionale, visto che la violazione ha interessato l’area delle prenotazioni Cup e vaccinali che hanno permesso loro l’accesso ai dati anagrafici.

Attacco hacker alla Regione Lazio: le piste

I pirati informatici sono entrati utilizzando la postazione aperta di un dipendente degli uffici della Regione, scrive il quotidiano. Gli hacker hanno utilizzato un malware poco complesso: il loro intento non consisterebbe nel rubare i dati di milioni di persone, ma di sabotare l’intero sistema e rendere le reti inutilizzabili, causando così un danno molto difficile da riparare. La componente dell’attacco sarebbe, quindi, di matrice criminale e non politica: inizialmente era stata considerata la pista no vax. Ma gli inquirenti non escludono ancora nulla.

Attacco hacker alla Regione Lazio

Secondo la prima informativa inviata agli organi di sicurezza, come riporta ‘La Repubblica’, non si sarebbe trattato un attacco di uno Stato straniero.

La paura, però, è che i dati sanitari della classe dirigente italiana possano essere venduti sul mercato nero. E inoltre che possa essere messa all’asta la capacità di sabotare la campagna vaccinale del Lazio.

Dalle indagini è emerso che l’attacco è partito dalla Germania, anche se potrebbe trattarsi anche solo di una triangolazione studiata per rendere non riconoscibile il luogo di partenza degli hacker.

Attacco hacker alla Regione Lazio: come sono entrati nel sistema

Gli hacker si sono introdotti nel sistema informatico della Regione Lazio non attraverso una mail, bensì da una postazione lasciata aperta. In pratica un computer collegato alla rete dell’agenzia Lazio Crea.

In queste ore, tra le cose, si sta tentando di capire se a lasciare aperta la postazione sia stato per caso o dimenticanza oppure volontariamente.

Da quella postazione è stato inserito un malware abbastanza comune, ma che, a causa dell’inadeguato sistema di protezione delle reti sanitarie della Regione Lazio, è riuscito ad arrivare fino al CED (il Centro di Elaborazione Dati della Regione Lazio, dove sono contenuti tutti i dati sanitari).

Al momento non risultano cancellati i dati.

Per bloccare l’attacco, però, i tecnici hanno dovuto spegnere il CED. La paura è che, una volta fatto ripartire, i dati possano essere cancellati o resi inutilizzabili.

Attacco hacker alla Regione Lazio: il riscatto

Nel pomeriggio di domenica è stata trovata una mail in cui veniva indicato un indirizzo mail a cui pagare il riscatto, senza però indicare la cifra.

Secondo attacco hacker alla Regione Lazio

Nella notte tra domenica e lunedì, all’1,30, i tecnici hanno tentato di riavviare il CED ma è partito un nuovo attacco hacker.

contattaci