• 11 mesi ago
  • 4Minutes
  • 674Words
  • 69Views

Quando un antivirus non è sufficiente per questo tipo di malware, i ransomware appunto, le problematiche si fanno serie.

ransomware sono considerati le più aggressive e temibili forme di attacco informatico (malware); sicuramente è il sistema più utilizzato dai malintenzionati anche in considerazione delle conseguenze a cui può portare. La sicurezza e la gestione dei dati diventa quindi un argomento di vitale importanza. Secondo il rapporto Clusit 2021 gli attacchi ransomware sono il 67 % di tutti quelli effettuati: due su tre. Da un altro rapporto l’Italia si colloca al quarto posto in Europa per queste forme di attacco; a livello mondiale sono sempre gli Stati Uniti il paese più colpito.

dati ransomware sui paesi colpiti

Ransomware: cos’è?

I ransomware sono dei malware, cioè dei programmi dannosi che mettono a rischio l’integrità di un sistema. Agiscono limitando l’accesso del dispositivo che infetta estorcendo denaro per la rimozione di tale limitazione. Gli effetti di un attacco ransomware portato a termine possono essere tra i più devastanti per un’azienda o un ente pubblico. Improvvisamente, non riesce più ad avere accesso ai propri dati fino al punto di vedere paralizzata l’intera attività; un vero e proprio rapimento dei dati per i quali viene chiesto un riscatto (ransom in inglese). E in più a differenza dei sequestri di persona, spesso non si effettua nessun rilascio dei dati tenuti in ostaggio. C’è sempre il dubbio che i rapitori possano usare, o abbiamo già usato i dati, per finalità losche come ad esempio altri ricatti. Oppure venduti ad altri hacker o aziende che attraverso questo sistema si assicurano un database molto ben fornito.

L’attaccante in questi casi si rivela ben strutturato. Oltre a informare immediatamente la propria vittima, mette immediatamente a disposizione tutte le istruzioni per permettergli di pagare il riscatto in moneta virtuale, magari dopo una rapida trattativa. Il sistema più utilizzato per gli attacchi ransomware resta quello delle email di phishing. Inviate solitamente sfruttando sistemi di ingegneria sociale che preventivamente carpiscono la figura del destinatario o, più probabilmente, di un suo dipendente o anche di una segretaria. Agiscono indirizzando la navigazione su siti compromessi dagli hacker o appositamente creati per indurre in errore navigatori sempre più distratti. Famosi restano i casi dei ransomware denominati Wannacry e Criptolocker che hanno fatto non pochi danni in rete.

Prevenzione e Gestione

Per un’azienda questo è il fulcro del problema “ransomware”. Problematica questa che deve essere valutata da due diverse prospettive: prima del ransomware devono essere svolte attività preventive e, dopo l’attacco, con la predisposizione di tutte le procedure a livello non solo IT, ma anche per l’informativa al Garante e ai suoi utenti, i cui dati sono esposti al rischio di essere rivenduti o utilizzati in altri modi illeciti.

È possibile difendersi anticipatamente da un malware, ma oltre al software antivirus, non si può ignorare una formazione efficace per i proprietari e i dipendenti responsabili del trattamento dei dati, in modo da avere una comprensione dell’entità del rischio e rendere consapevoli delle possibili conseguenze. Inoltre bisogna specificare che ci potrebbero essere ripercussioni anche nell’ambito disciplinare. La gestione di una fase successiva è tuttavia un lavoro che deve purtroppo essere previsto e non deve limitarsi al solo recupero dei dati.

malware

Avere un backup o possedere copie di riserva dei dati in memorie esterne sono soluzioni aziendali, ma non possono essere di utilità quando si dovrà avvisare dell’accaduto il garante e la propria clientela, con l’immaginabile crollo di reputazione. Inutile dire che si tratta solo di “piccole falle” o che gli utenti non sono esposti a rischi in rapporto ai dati. Nominativi, utenze telefoniche, mail, molto probabilmente anche iban bancari e dati di carte saranno nelle mani di hacker e malintenzionati con pochi scrupoli. 

Pagare il riscatto potrebbe non essere la soluzione, ma soltanto l’inizio di altri problemi quali nuove richieste di estorsione di denaro e l’assoluta certezza che i dati e le informazioni potrebbero essere in ogni modo usati illegittimamente e, in ogni caso, potremmo non riappropriarcene. 

contattaci