• 1 anno ago
  • 4Minutes
  • 709Words
  • 50Views

Egregor Team Press Release – November 30 2020“: non è un comunicato stampa di una ignota azienda americana, ma l’incipit dell’ultima comunicazione ufficiale dell’Egregor Team, cioè il gruppo di hacker che sta infettando i computer di mezzo mondo con il pericolosissimo virus Egregor.

Un collettivo di cybercriminali che si muove sempre più come una azienda, tanto è vero che ormai parla apertamente di “contratti” stipulati con le proprie vittime, che chiama “clienti“.
Sembrerebbe una presa in giro, ma non lo è poi molto visto che Egregor è un malware di tipo ransomware.

Un virus che, una volta entrato in un dispositivo, cripta e copia tutti i dati che trova e poi chiede un riscatto alla vittima. In cambio dei soldi avrà indietro i suoi dati e, se il “cliente” paga, i dati privati non verranno rivelati in pubblico. Un riscatto più che un contratto, come il termine inglese “ransom” conferma. Eppure, come detto, l’Egregor Team si muove proprio come una azienda e ha reso pubblico questo contratto, affinché le prossime vittime sappiano già cosa devono fare se vogliono tornare in possesso dei propri dati e non vogliono che le proprie informazioni vengano divulgate in pubblico. Ecco cosa c’è scritto in questo contratto.

Il contratto di Egregor

La protezione della forza lavoro ibrida: 3 consigli contro i ransomware •  RecensioneDigitale.it

L’Egregor Team, tramite la sua ultima comunicazione ufficiale, vuole sia spaventare che rassicurare le sue future vittime. Il “comunicato stampa” recita infatti: “Attenzione! Se hai stipulato un contratto con noi, tutte le conseguenze descritte in questo comunicato non ti toccheranno. Noi rispettiamo sempre i termini del contratto“. Una ditta seria, quindi, con la quale fare affari, “di noi ti puoi fidare“

Poi nel “contratto” compaiono le clausole:

  • Prima che tu decida se avere un contratto con noi oppure no le tue informazioni non verranno pubblicate o rivelate in alcun modo
  • Nel caso tu non ci contatti entro tre giorni pubblicheremo l’1%-3% delle tue informazioni. La struttura dei tuoi file non verrà rivelata a terze parti
  • In caso di contratto con noi tutte le informazioni verranno cancellate, senza possibilità di recupero. Ti verrà fornito un report sull’eliminazione dei file.
  • Poi il Team ribadisce di aver sempre rispettato i patti e che, mediamente, le società di data recovery fanno pagare dal 10% al 50% in più del riscatto richiesto per decriptare i dati. Insomma: conviene pure!

I problemi, invece, arrivano se il “contratto” non viene stipulato. Cioè se non si paga il riscatto chiesto dall’Egregor Team.

Virus Egregor: se la vittima si rifiuta di pagare, che succede?

Anche in questo caso l’Egregor Team ha una lista puntata, chiara ed esplicita:

  • I tuoi dati saranno caricati online e resi pubblici, oppure no in caso tu faccia un contratto con noi e paghi per i dati
  • La struttura dei tuoi file sarà mostrata a terze parti affinché possano scegliere cosa comprare, a meno che tu non faccia un contratto
  • I tuoi file saranno venduti e non ci importa cosa ne farà chi li ha comprati né dove verranno pubblicati
  • il team, infine, specifica che non rispondere alla richiesta di riscatto equivale a rifiutare il contratto. Con tutte le sue conseguenze.

Perché Egregor è pericoloso

Tutte queste parole sarebbero semplicemente una inutile manfrina, se non fosse che il virus Egregor è veramente pericoloso. Tecnicamente è un ransomware, cioè un virus che cripta i file e chiede soldi per decriptarli. Ma in realtà può fare molto di più.

A metà novembre Egregor è stato infiltrato nella rete del gigante sudamericano della grande distribuzione Cencosud, al quale è stato richiesto un riscatto del quale si sa però poco o nulla. Quello che è certo, però, è che Cencosud ha “rifiutato il contratto” e ha subito le conseguenze di questa decisione.

Dopo tre giorni dalla prima richiesta, infatti, è stata lanciata la prima ritorsione: dalle stampanti degli scontrini di centinaia di negozi hanno cominciato a uscire, a ripetizione, messaggi che ribadivano la richiesta di riscatto: “La tua rete è stata hackerata, i tuoi computer e i tuoi server sono bloccati, i tuoi dati privati sono stati scaricati“.

Una scena di sicuro non bella da vedere né per i dipendenti degli store né per i clienti. Decisamente un enorme danno di immagine, ma non solo: il reparto IT di Cencosud si è trovato costretto a bloccare e isolare tutta la rete interna, compresi i pagamenti elettronici, per tentare di arginare l’infezione virale di Egregor.

contattaci