• 2 anni ago
  • 2Minutes
  • 322Words
  • 84Views

Il nostro smartphone è diventato uno oggetto indispensabile nella vita di tutti noi, perchè possiamo fare di tutto con uno dei “telefoni intelligenti”: prenotare voli o treni, orientarci con mappe interattive, partecipare ad una riunione con i colleghi o vedere le ultime notizie del TG.
Per far tutto ciò, è indispensabile che la batteria non “ci abbandoni” sul più bello e per mantenere la nostra batteria in salute, vi indicheremo 4 consigli da seguire:

1. Tieni il livello di carica della batteria tra il 60% e il 75%

Secondo Cadex, una rispettata azienda che si occupa proprio di test su smartphone e batterie, tenere la carica al massimo non serve; anzi, al contrario, è dannoso. Meglio evitare gli estremi e tenerla a un livello medio, ricaricando più volte, ma senza mai raggiungere il massimo nè il minimo.

2. Non far scaricare completamente il telefono prima di collegarlo

Per lo stesso motivo serve evitare di collegare il telefono alla carica soltanto una volta spento del tutto. In questo modo infatti obblighiamo la batteria a un lavoro maggiore per riuscire a ricaricarsi, e soprattutto la usuriamo molto di più.

White smartphone in charge on wooden table

3. Scollega il telefono non appena raggiunge il 100%

Se capita che per via di una svista o per una dimenticanza il telefono è già arrivato al massimo della carica, allora è meglio scollegarlo subito.
Tenerlo collegato al caricatore inutilmente è dannoso: la batteria sarà sottoposta per più tempo a temperature maggiori e uno sforzo di cui, di fatto, non ha nessun bisogno.

4. Evita di caricare il tuo telefono durante la notte

Ecco perché va assolutamente evitata la carica notturna, procedura che fanno in tanti. Quando mettiamo il nostro smartphone in carica durante la notte, ciò che succede è che in pochissimo tempo raggiunge il massimo della carica (e già questo sarebbe da evitare) e poi, quel che è peggio, è che rimarrà in carica per cinque o sei ore. Così facendo la batteria si usura in modo estremamente rapido perché la stiamo sottoponendo a un lavoro inutilmente lungo e continuativo.