Tag: registrazione

Creative, Formazione

PicPick: registrare lo schermo del pc

Vediamo come creare dei filmati con tutto quello che succede sullo schermo del nostro computer usando un comodo programma: picpick, dotato di funzioni evolute e in grado anche di catturare schermate.

Ci possono essere diverse ragioni per registrare quello che viene riprodotto sullo schermo del PC: per esempio potremmo creare dei tutorial per spiegare ad altri determinate operazioni da compiere, oppure, come di gran moda negli ultimi anni, riprendere delle partite con un videogioco per poi magari pubblicare il filmato su YouTube. Windows 10 e 11 integrano questa funzione, ma con poche opzioni e pensata in particolare per la registrazione di videogame.

C’è però un programma che ci semplificherà notevolmente questo compito, grazie alla sua semplicità d’uso e alle numerose funzioni disponibili. Si tratta di PicPick che nelle sue ultime versioni ha aggiunto alla capacità di catturare schermate quella di registrare l’intero schermo o anche solo una sua parte e memorizzarlo in file video in formato MP4 oppure creare immagini GIF animate, scegliendo anche la cadenza di fotogrammi al secondo. Ed è tutto in lingua italiana.

Registriamo lo schermo con audio utilizzando PicPick

Scarichiamolo

PicPick
1 PicPick è un programma disponibile gratuitamente per applicazioni
domestiche. Per un utilizzo professionale è invece richiesto
un canone mensile di 2,50$. Le funzioni sono esattamente
le stesse, solo senza supporto e con qualche pubblicità.
PicPick
2 Una volta scaricato, procediamo eseguendo il file di installazione
di PicPick come con qualsiasi altro programma. Esattamente
come il sito e l’applicazione, anche lo strumento di
installazione di PicPick è completamente in lingua italiana.

Impostiamolo

PicPick
3 Questa è la schermata principale di PicPick che ci comparirà
al suo avvio. Da qui possiamo avviare tutte le funzioni
del programma, oppure configurarlo secondo le nostre preferenze
accedendo alle sue impostazioni, dalla barra a sinistra
PicPick
4 Dalle impostazioni possiamo modificare la modalità di registrazione
schermo, indicando il formato del file, la qualità
dell’immagine e il numero di fotogrammi per secondo, e le impostazioni
dell’audio. I valori in figura vanno bene in molte situazioni.
5 Nella sezione Cattura delle impostazioni di PicPick possiamo
invece configurare la funzione di acquisizione delle
schermate. Questo programma, al contrario degli strumenti
di Windows, permette di catturare anche il puntatore del mouse.
6 PicPick ci permette di impostare una combinazione di tasti
per ognuna delle sue funzioni, così da poterle richiamare in
modo molto veloce. Ricordiamoci che l’uso del tasto rapido
Stampa sostituisce la funzione standard di cattura in Windows.

Avviamo la registrazione

7 Quando avviamo la registrazione schermo, PicPick ci mostrerà
una barra superiore e il riquadro da registrare. Possiamo
modificare l’inquadratura dal menu Area di registrazione, o
passare all’intero schermo cliccando l’icona a forma di monitor
8 Anche la selezione della registrazione della parte audio può
essere modificata direttamente dalla barra di PicPick. Se
clicchiamo sull’icona a forma di altoparlante ci apparirà un
menu in cui scegliere se registrare l’audio e, se sì, da che fonte

Il gioco è fatto

9 Nella barra superiore della registrazione schermo di PicPick
troviamo anche l’icona che ci permette di selezionare il formato
di destinazione della registrazione, scegliendo fra MP4
o GIF animato, con le impostazioni che abbiamo configurato
10 Possiamo attivare PicPick anche dall’icona nella barra delle
applicazioni. Con un clic destro apriremo un menu da cui
selezionare una delle funzioni, ovviamente comprese quelle
per la registrazione schermo e per la cattura delle schermate.

LEGGI ANCHE:

contatti
applicazioni

Da smartphone a microfono pro

Da smartphone a microfono pro in poco tempo grazie all’app magica che trasforma il tuo cellulare in un dispositivo per la registrazione e la manipolazione audio.


La sempre più crescente versatilità d’utilizzo degli smartphone di ultima generazione, permette oggi di utilizzarli per gli impieghi più disparati.

Tra le tante possibilità funzionali di questi formidabili dispositivi, spicca quella d’impiegarli per la registrazione e la manipolazione audio.

La dotazione di microfoni integrati sempre più sensibili e la disponibilità di potenza computazionale e memoria interna in quantità, consentono infatti, nella stragrande maggioranza dei casi, anche di poter fare a meno di attrezzature dedicate.

Ecco come fare

Complice di questa vocazione tecnologica ad ampio spettro, la presenza nei vari Store di applicazioni specifiche e ben fatte che, gratuitamente o al costo di pochi euro, trasformano un telefono di recente fabbricazione in una sofisticata stazione di elaborazione e produzione audio.

Tra le tante app disponibili, la nostra scelta è ricaduta su Lexis Audio Editor, per la sua versatilità e la sua estrema facilità di utilizzo.

Lexis Audio Editor è compatibile sia con sistemi Google Android che Apple iOS.

Installiamo il tool per manipolare l’audio

Lexis Audio Editor

Colleghiamoci al Play Store dal nostro terminale Android, digitiamo Lexis Audio Editor.

Visualizzati i risultati, selezioniamo Lexis Audio Editor di PamSys, dopodiché clicchiamo Installa, quindi attendiamo il termine dello scaricamento e dell’installazione.

Autorizzazioni

consensi

Lanciamo l’app. Al primo avvio, Lexis Audio Editor richiede l’autorizzazione per accedere alle foto e ai contenuti multimediali presenti nel dispositivo.

Per proseguire clicchiamo Consenti. Alla richiesta successiva, ossia di consentire all’app la possibilità di registrare audio, clicchiamo nuovamente Consenti.

Interfaccia principale

Interfaccia principale

L’interfaccia di Lexis Audio Editor è organizzata in 3 aree principali.

In alto a sinistra sono visibili due vu meter che permettono di monitorare i livelli audio. Più a destra, invece, una serie di pulsanti permette di controllare le operazioni di trasporto, come play, stop, pausa e così via.

In basso, invece, troviamo l’area di visualizzazione della forma d’onda.

Regoliamo il bitrate di salvataggio

Regoliamo il bitrate di salvataggio

Clicchiamo i tre puntini visibili in alto nell’interfaccia. Selezioniamo l’ultima voce in basso Options/Help. Clicchiamo Options/Quality e scegliamo 320kb/s.

Selezioniamo la freccia in alto a sinistra per tornare alla schermata precedente. Clicchiamo nuovamente la freccia in alto a sinistra per tornare alla schermata principale.

Mono o stereo?

Mono o stereo

Clicchiamo i tre puntini visibili in alto nell’interfaccia. Selezioniamo Options/Help/Options. Scorriamo in basso fino a trovare Record stereo into a mono channel.

Per mantenere la registrazione in stereo deselezioniamo la casella di controllo omonima.

Per acquisire in mono selezioniamo la casella di controllo. Clicchiamo la freccia in alto a sinistra per tornare alla schermata precedente.

Inizio registrazione

registrazione

Puntiamo lo smartphone verso la sorgente audio da acquisire e premiamo Rec (pallino rosso).

Osserviamo il livello della sorgente tramite i Vu Meter a sinistra. Se è troppo basso scorriamo verso destra lo slider Rec Vol per aumentare il livello del segnale in ingresso.

Al termine della registrazione clicchiamo Stop (quadratino).

Fatto questo, Lexis Audio Editor visualizza la forma d’onda relativa all’audio acquisito.

Riascoltiamo e salviamo

registra e salva

Per riascoltare la registrazione premiamo Play. Se l’audio soddisfa le aspettative procediamo al salvataggio: clicchiamo il pulsante Save visibile in alto a destra.

Clicchiamo nello slot Name, assegniamo un nome al file e scegliamo Fine.

Clicchiamo nello slot Format, e selezioniamo un formato di salvataggio tra quelli disponibili. Infine completiamo con Save.

Dissolviamo in entrata

dissolvenza in entrata

Per evitare clic all’inizio e alla fine della registrazione applichiamo una dissolvenza in entrata.

Teniamo premuto il cursore visibile all’inizio della forma d’onda e trasciniamolo a destra per regolare il punto d’inizio della dissolvenza.

Teniamo premuto il cursore alla fine della forma d’onda e trasciniamolo a sinistra per regolare il punto di fine.

Clicchiamo i tre puntini in alto a destra. Selezioniamo Effects. Clicchiamo Fade In.

Dissolviamo in uscita e salviamo

Dissolvenza in uscita

Teniamo premuto il cursore visibile all’inizio della forma d’onda e trasciniamolo a destra per regolare il punto d’inizio della dissolvenza in uscita.

Teniamo premuto il cursore alla fine della forma d’onda e trasciniamolo a sinistra per regolare il punto di fine della dissolvenza. Clicchiamo i tre puntini in alto a destra.

Selezioniamo Effects. Clicchiamo Fade Out. Ascoltiamo il risultato.

LEGGI ANCHE: