• 2 anni ago
  • 3Minutes
  • 508Words
  • 58Views

Penetration Test

In informatica il penetration test è il processo operativo di analisi o valutazione della sicurezza di un sistema informatico o di una rete.

Il processo prevede un’analisi del sistema per individuare eventuali punti deboli, difetti tecnici e vulnerabilità: queste problematiche possono derivare dalla progettazione, implementazione o gestione del sistema, e potrebbero essere sfruttate per compromettere gli obiettivi di sicurezza del sistema e quindi del business.

La finalità è evitare che un attacco, esterno o interno, o una instabilità del sistema possano impattare sull’integrità e sulla disponibilità delle risorse.

I problemi di sicurezza che rileviamo verranno presentati al responsabile aziendale in un report, insieme a una valutazione dell’impatto, a una soluzione tecnica e ad un rimedio di attenuazione delle criticità.
Esistono le seguenti tipologie di penetration test:

External Testing (Penetration Test esterni)

Hanno come obiettivo quello di capire se un hacker può entrare nel sistema informatico (dall’esterno appunto), e quanto in profondità può entrare nel sistema colpito. Con questi test si cerca tutto ciò che è visibile in rete (ad esempio con le Google dork) per provare a trovare punti di accesso “scoperti” (backdoor, bug ed errori nel sistema informatico, etc) che possano permettere all’hacker di entrare (o meglio, “penetrare“) nel sistema. Questi attacchi di solito vengono effettuati dal penetration tester senza conoscere l’infrastruttura dell’azienda, partendo invece dal web, da internet e dalle ricerche sui motori di ricerca. Alcune cose che possono essere analizzate e testate in questi test esterni sono: DNS (Domain Name Servers), Sito web, Web application e altri.

Internal Testing (Penetration Test interni)

E’ un test che viene di solito effettuato da qualcuno all’interno dell’organizzazione; se ad esempio un malintenzionato riesce ad ottenere in qualche modo password e altri dati di accesso di un impiegato, potrebbe quindi accedere facilmente a molti sistemi interni e disponibili solo ai dipendenti dell’azienda. Un penetration test interno serve proprio ad analizzare casistiche di questo tipo, e a trovare buchi e falle del sistema interno riservato agli impiegati.

Targeted Testing
Questi test vengono effettuati insieme da un penetration tester e dal dipartimento IT e servono principalmente per far capire agli informatici in azienda quale può essere la prospettiva di chi sta attaccando i sistemi, in modo da poterli rendere più sicuri anche con futuri sviluppi.

Blind testing
E’ l’attacco più interessante e realistico, anche se è quello più dispendioso per l’azienda che vuole provarlo, e dispendioso anche in termini di risorse e tempo da parte del tester; in questo caso di “test cieco” l’unica informazione di cui dispone il pen tester è il nome dell’azienda. Da qui dovrà trovare il modo di penetrare nei sistemi IT dell’azienda, attraverso tecniche di hacking conosciute.

Double Blind testing
Molto simile al blind test visto precedentemente, il double blind test ha come unica differenza quella che il dipartimento IT è completamente all’oscuro del fatto che si sta iniziando questo tipo di attacco / test. In questo modo viene simulato un reale attacco informatico, “di nascosto” da tutti quanti i principali attori informatici all’interno dell’azienda.