• 11 mesi ago
  • 2Minutes
  • 386Words
  • 66Views

Come funziona il diritto di recesso quando si tratta di

Diritto di recesso

Per gli acquisti online, se cambiamo idea entro 14 giorni dall’acquisto è possibile esercitare il diritto di recesso disciplinato dall’articolo 54 del Codice del Consumo. Questa garanzia legale ci offre una tutela aggiuntiva: se il prodotto acquistato non ci piace, lo possiamo restituire senza fornire motivazioni e ricevere il rimborso pari al 100% del prezzo d’acquisto. I 14 giorni partono dal momento in cui il consumatore acquisisce il possesso fisico dei beni.

Diritto di recesso 2014: Cambiano le Regole a partire dal 13 Giugno

Questo diritto è stato inserito proprio per permettere al consumatore di verificare personalmente la qualità del bene acquistato a distanza.

Pertanto è bene sottolineare che il diritto di recesso non può essere esercitato in negozi fisici.

Infatti questo vale solo per acquisti effettuati in remoto, per esempio tramite siti di commercio elettronico. Tuttavia, anche se si acquista in un negozio fisico si può restituire il prodotto e procedere col rimborso, ma solo se si tratta di oggetti difettosi o danneggiati. Inoltre, il diritto di recesso non può essere esercitato da professionisti che acquistano il prodotto per la propria attività tramite Partita Iva.

Diritto di recesso previsto nel Codice civile e quello previsto nel Codice del consumo

Il diritto di recesso disciplinato dal Codice del Consumo presenta elementi differenti rispetto alla fattispecie regolata nel Codice Civile, all’art. 1373: “1. Se a una delle parti è attribuita la facoltà di recedere dal contratto, tale facoltà può essere esercitata finché il contratto non abbia avuto un principio di esecuzione. 2. Nei contratti a esecuzione continuata o periodica, tale facoltà può essere esercitata anche successivamente, ma il recesso non ha effetto per le prestazioni già eseguite o in corso di esecuzione. 3. Qualora sia stata stipulata la prestazione di un corrispettivo per il recesso, questo ha effetto quando la prestazione è eseguita. 4. È salvo in ogni caso il patto contrario“.

Dunque alle parti è consentito sottrarsi a tale disciplina generale. Infatti le stesse potranno concordare ed inserire nel contratto, altri elementi, come una maggiore garanzia per l’esercizio del recesso. Sempre da un punto di vista codicistico, il recesso è anche un mezzo per contestare la validità della transazione, in caso di vizi del contratto o di inadempimento dell’altro contraente.

Infine, il diritto di recesso regolato dal Codice del Consumo mira esclusivamente alla completa tutela del consumatore, in quanto considerato la parte debole del contratto.

contattaci